Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, vince ancora Antetokounmpo: è lui l'MVP per la stagione NBA 2019-20

NBA

Lo riporta l'insider NBA Adrian Wojnarowski: l'annuncio ufficiale atteso per le ore 20 italiane, ma c'è già la certezza: il greco n°34 dei Milwaukee Bucks iscrive per la seconda volta consecutiva il suo nome nell'albo d'oro del premio di MVP. Battuti i due finalisti LeBron James e James Harden

Era un annuncio atteso, ora è arrivato: Giannis Antetokounmpo vince, per il secondo anno consecutivo, il premio di MVP NBA. Lo fa al termine di una stagione regolare straordinaria, che ha visto i suoi Bucks ancora titolari (come l'anno scorso) del miglior record di lega (56 vinte, 17 perse) e lui prodursi in un'annata da 29.5 punti a sera (quinto NBA), 13.6 rimbalzi (secondo, dietro solo ad Andre Drummond), 5.6 assist oltre a una stoppata e un recupero di media, tirando il 55.3% dal campo. Purtroppo per lui e per tutti i Bucks, a una stagione regolare entusiasmante hanno fatto seguito dei playoff amari, che hanno visto la squadra del Wisconsins soccombere in malomodo contro i Miami Heat in semifinale di conference (1-4 lo score della serie), peggiorando così il risultato di squadra ottenuto lo scorso anno (raggiunta la finala a Est, persa contro Toronto). Il greco diventa soltanto il 12° giocatore nella storia della NBA a centrare l'impresa di vincere in due stagioni consecutive il titolo di MVP, e solo il terzo (insieme a Michael Jordan e Hakeem Olajuwon) ad aggiudicarsi nello stesso anno tanto il premio di miglior difensore NBA che quello di MVP

Le prime parole di Antetokounpo: “Perché no ai Bucks per 15 anni?"

leggi anche

Tutti i voti che hanno deciso l'MVP. LA CLASSIFICA COMPLETA

I ringraziamenti di rito — a tutti, dalla famiglia, ai compagni, al coaching staff — lasciano presto spazio nelle prime dichiarazioni da due volte MVP di Giannis Antetokounmpo alle ambizioni per il futuro: “Il premio è qualcosa di fantastico, e riceverlo qui ad Atene, dove tutto è iniziato, è ancora più bello. Ma io voglio essere un campione. Voglio vincere e voglio essere ricordato come i grandi — gli Hakeem Olajuwon, i Magic Johnson — che hanno saputo vincere”, dice il n°34 dei Bucks. Che poi risponde anche a una domanda sul suo futuro, da qualcuno messo in dubbio dopo la precoce eliminazione di Milwaukee ai playoff 2020: “Non penso troppo a cosa farò in futuro, ma so che voglio continuare a migliorare. Quando arriverà il momento parleremo anche del contratto, ma se abbiamo tutti lo stesso obiettivo — diventare campioni — non vedo perché io non possa restare a Milwaukee per i prossimi 15 anni”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche