Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, scambio Westbrook-Wall: Rockets e Wizards ne parlano

MERCATO NBA
©Getty

In casa Houston Rockets non è solo la questione Harden a tenere banco: secondo quanto riportato da The Athletic, i texani avrebbero parlato con gli Washington Wizards di uno scambio con John Wall. Houston però vuole maggiori asset per privarsi del suo numero 0

Se la questione di James Harden è più calda che mai, in casa Houston Rockets c’è un altro problema da risolvere: quello legato a Russell Westbrook. E fino ad ora il mercato per il numero 0 — che non ha fatto mistero della sua volontà di andarsene — è stato piuttosto freddo, secondo quanto riportato da diversi insider. I suoi tre anni di contratto a 133 milioni di dollari complessivi (con ultima stagione da 47.1 milioni in player option) spaventano numerose squadre, tanto che l’ultima voce emersa riguarda un contratto praticamente di pari entità: quello di John Wall. Secondo quanto riportato da Shams Charania di The Athletic, Rockets e Wizards avrebbero discusso uno scambio tra i due, ma senza andare molto lontano visto che Houston sembra volere più asset di quelli che sono stati offerti. 

Il senso dello scambio per le due squadre

approfondimento

Westbrook: “Non voglio giocare con Harden? Falso”

I due contratti sono pressoché identici, visto che Wall ha 134 milioni rimanenti sempre in tre anni (e sempre con una player option per l’ultima stagione), con la differenza sostanziale che Wall ha giocato la sua ultima partita due anni fa, il 26 dicembre 2018. Le rotture del tendine d’Achille e del legamento crociato del ginocchio hanno fatto deragliare la sua carriera e la traiettoria degli Washington Wizards, che ora si ritrovano nella situazione di dover costruire una squadra competitiva attorno a Bradley Beal per non scontentarlo e vederlo chiedere la cessione verso una contender. 

Houston però è consapevole che tra i due è Westbrook il giocatore migliore, non fosse altro perché nell’ultima stagione è stato comunque un All-Star, mentre non c’è alcuna certezza sulle condizioni in cui si ripresenterà Wall dopo due infortuni così gravi. Per questo i Rockets vogliono ulteriori asset per poter ricostruire una squadra che sembra destinata ad annate con poche vittorie, per quanto abbiano fatto sapere di essere “a loro agio nell’essere a disagio” cominciando la stagione con le due stelle scontente a roster, pur di ricevere i giocatori e le scelte a cui puntano. Insomma, Houston vende ma solo al giusto prezzo: John Wall al momento — e neanche quello che hanno offerto Charlotte e New York, le due altre squadre interessate — non basta per portare via Russell Westbrook.