Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Los Angeles Lakers, perché il play-in può essere un affare per i campioni in carica

LA SUGGESTIONE

La sconfitta contro Portland ha fatto scivolare i Lakers al 7° posto a Ovest, costretti ora a vincere due gare in più dei Blazers in questo rush finale - visto che a favore della squadra dell’Oregon c’è anche il tiebreaker (2-1 Portland negli scontri diretti). Andare al play-in però potrebbe essere un modo, secondo alcuni, per evitare avversari più complicati - almeno al primo turno

Partiamo da un assunto, fatto anche dai diversi analisti americani che hanno iniziato a proporre questa suggestione: i Lakers non stanno certo perdendo di proposito, anzi. L’incapacità di vincere messa in mostra nelle ultime settimane è preoccupante e va ben al di là degli infortuni - pesantissimi - con cui i campioni NBA devono convivere. Una squadra pensata per ruotare attorno a LeBron James che deve fare a meno da ormai due mesi del miglior giocatore al mondo: no, qualcosa doveva incrinarsi per forza. I Lakers hanno iniziato dunque a incespicare e perdere quota, fino al preoccupante ko contro Portland che li condanna per la prima volta in stagione a scendere in zona play-in. Un settimo posto che rischia di far saltare anche quei 5 giorni di riposo di cui le 12 qualificate in maniera diretta ai playoff potranno godere. Per una squadra reduce dalla più breve off-season della storia NBA - 71 giorni, come più volte ricordato da LeBron - un bel guaio. Cosa ci sarebbe dunque di positivo in uno scenario del genere?

vedi anche

Est e Ovest: la corsa ai play-in aggiornata

Questione di accoppiamento: arrivare sesti vuol dire doversela vedere da subito contro i Clippers - lo spauracchio a Ovest più complicato da affrontare per i Lakers - o in alternativa contro i Nuggets targati Nikola Jokic. Le due squadre che forse preoccupano di più i campioni NBA in carica, che da settimi invece dovrebbero affrontare una tra Phoenix e Utah - franchigie che, nonostante la regular season di altissimo livello, i Lakers credono di poter affrontare con maggiore facilità. Non solo questione di testa a testa in campo, ma anche di condizione fisica: LeBron James ci sarà, in qualche modo, ma probabilmente avrà bisogno di tempo per rimettersi a posto, per garantire continuità di rendimento in una partita e in una serie. Rimandare una sfida così delicata al secondo turno (o nel caso i Clippers arrivino quarti addirittura in finale) è quantomeno un modo per guardare il bicchiere mezzo pieno. Certo, fare il play-in vuol dire correre il rischio di restare fuori dai playoff: ma quella è un’evenienza che i Lakers non vogliono prendere neanche in considerazione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche