Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, l’opinione di Steve Kerr: “Kevin Durant ha più talento di Michael Jordan”

l'opinione

Un giudizio destinato a far discutere quello dell'attuale coach degli Warriors, che ha vinto tre titoli con Jordan come compagno e altri due allenando KD a Golden State. Kerr tornerà ad allenare Durant da assistente di Popovich con Team Usa alle Olimpiadi di Tokyo, e nel raccontare il suo entusiasmo per averlo di nuovo come giocatore ha spiegato che a livello di talento puro secondo lui la stella dei Nets è superiore anche a sua maestà MJ

Steve Kerr ha sicuramente un punto di vista privilegiato per giudicare e mettere a confronto due giganti della storia NBA come Michael Jordan e Kevin Durant. Il coach degli Warriors ha infatti giocato con Jordan ai Bulls vincendo tre titoli (1996, 1997, 1998) ed ha allenato Durant a Golden State conquistando con lui due anelli (2017, 2018). E per quello che ha visto sul parquet Kerr non ha dubbi: "Durant ha dimostrato di essere il giocatore con più talento sulla terra in questo momento, se non di tutti i tempi". Anche più di MJ quindi? "Penso di sì, penso che abbia più talento lui. Dico sul serio", ha spiegato Kerr. "Kevin è diverso da tutti gli altri - ha continuato - è un 2.10 con abilità da guardia, un raggio di tiro da 3 punti illimitato, capacità di passare e di stoppare. La sua capacità di stoppare al ferro è semplicemente sbalorditiva. Guardarlo quest'anno è stato davvero gratificante".

 

Kerr ritroverà Durant nella nazionale americana alle Olimpiadi di Tokyo, dove sarà assistente di Gregg Popovich. "Sono emozionato dalla prospettiva di allenarlo di nuovo - ha raccontato - agli Warriors ci ha dato tre anni meravigliosi, è stata una relazione fantastica. So che la gente si concentra sul finale che non è stato perfetto, con l'infortunio e la sua partenza, ma tutto quello che riguarda Kevin e il suo coinvolgimento con Team Usa mi rende felice. Pensate a quello che ha fatto per gli Warriors, non solo aiutandoci a vincere titoli ma anche tornando e provando a giocare dopo gli infortuni per poi subire il devastante infortunio al tendine d'Achille. Tutti volevamo solo ritrovare Kevin di nuovo sano e vederlo giocare nei playoff al livello che ha raggiunto. Ho amato allenarlo e non vedo l'ora di farlo di nuovo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche