Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
11 febbraio 2013

Supercombinata Schladming, l'oro a Ligety. Innerhofer fuori

print-icon
ted

Lo straordinario Ted Ligety, medaglia d'oro della supercombinata mondiale

L'americano vince davanti a Kostelic e all'austriaco Baumann, primo nella prova di discesa davanti a Svindal, mentre Innerhofer era terzo. Paura per l'attraversamento della pista da parte di uno sciatore a gara in corso.

La supercombinata maschile dei Mondiali è stata decisa dalla manche di speciale sul ripido muro finale della Planai, adatto a slalomisti veramente capaci e in grado di dare grandi distacchi. La prova è iniziata in notturna con la luce dei riflettori. Tre gli atleti con microcamera speciale montata sui caschi, una prima assoluta per lo sci: gli austriaci Benjamin Raich e Matthias Mayer oltre all'argentino Cristian Simari Birkner. L'oro è andato a uno splendido Ted Ligety (tempo totale 2'56"96) davanti al croato Ivica Kostelic (+1'15") e all'austriaco Romed Baumann (+1'17", prima medaglia della squadra maschile austriaca in questa manifestazione iridata sulle nevi di casa). Innerhofer ha inforcato e saltato una porta, quindi fuori. Dominik Paris (quinto in libera) e Matteo Marsaglia (nono) hanno invece chiuso oltre il decimo posto finale.

Innerhofer terzo in discesa
- Dopo la prova di discesa sui 3.366 metri della ghiacciatissima e difficile pista Planai, con visibilità non perfetta per il cielo parzialmente coperto, al comando della supercombinata mondiale uomini c'era l'austriaco Romed Baumann in 2.01.38 davanti al detentore del titolo, il norvegese Aksel Svindal (+0,14). Terzo, nonostante un grave errore, l'azzurro Christof Innerhofer (+0,38). Per l'Italia poi Dominik Paris 5° (+0,69) e Matteo Marsaglia 9° (+1.05). Siegmar Klotz è invece uscito per salto di una porta, atterrando male dopo un dosso. Tra i migliori slalomisti, dopo la prova di discesa, si sono piazzati anche lo statunitense Ted Ligety 6° (+0,72), il croato Ivica Kostelic 10° (+1.37), l'austriaco Benjamin Raich (+1.52), lo svizzero Silvan Zurbriggen  (+1.63) e il francese Alexis Pinturault (+3,35). 

Paura, uno sciatore in pista - Momenti di grande paura si sono vissuti durante la discesa dello svizzero Sandro Villetta che, mentre andava ad altissima velocità in un tratto molto filante, si è ritrovato in pista uno sciatore che scendeva apparentemente senza problemi. Si trattava probabilmente di un addetto alla lisciatura del tracciato. Villetta lo ha superato senza problemi e poi al tracciato ci ha riso sopra.