Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
05 dicembre 2016

Lazio subito in campo dopo la sconfitta nel derby

print-icon
Lazio_getty

Seduta mattutina per i biancocelesti di Inzaghi (Getty)

Nessun giorno di riposo previsto per questa settimana, la squadra di Inzaghi ha già iniziato a preparare la prossima sfida di Serie A contro la Sampdoria. Sabato sera a Marassi i biancocelesti proveranno a riscattarsi per riprendere il cammino interrotto dalla squadra di Spalletti   

Il derby di Roma ha lasciato grande rammarico in casa Lazio, i biancocelesti - come dichiarato da Inzaghi nel post partita - hanno commesso due errori pesanti in una gara in cui hanno concesso davvero poco ai giallorossi di Spalletti. Si allunga così la striscia di gare non vinte contro la Roma, l’obiettivo ora è tornare a fare bene già da sabato prossimo contro la Sampdoria per risollevare subito il morale dell’ambiente e per continuare a scalare la classifica. Per questo motivo i biancocelesti già oggi si sono ritrovati sui campi del centro sportivo di Formello. Alle 10 la squadra ha iniziato la sua seduta di allenamento quotidiana, che ha visto i giocatori non scesi in campo ieri lavorare in maniera più impegnativa.

Chi invece ha giocato il derby ha effettuano una seduta di scarico in palestra. Immobile, Lulic, Biglia, Basta e Parolo hanno preso parte soltanto ad breve corsa defaticante, mentre Inzaghi ha guidato i calciatori non impegnati ieri in una sessione completa con il solo Filip Djordjevic assente; in seguito ad un’iniziale riscaldamento atletico con il pallone guidato dal preparatore Fonte e ad una successiva fase di possesso nello stretto (celesti contro arancioni), i calciatori si sono poi dedicati ad un lavoro di corsa intermittente a metà campo. Dopo un breve lavoro atletico di allunghi, in chiusura di allenamento i ragazzi hanno poi preso parte alla consueta partitella a campo ridotto con tocchi a scalare. Questa settimana non ci saranno pause né giorni liberi per la squadra, che domani tornerà in campo alle ore 15.

L’imperativo è ripartire immediatamente da quanto di buono mostrato ieri - la fase difensiva (errore di Wallace a parte, il palleggio, la determinazione nel cercare il gol soprattutto nel primo tempo - facendo anche tesoro degli insegnamenti che la partita ha lasciato ad Inzaghi ed ai suoi. "So che si parlerà tanto qui a Roma - ha detto nel post gara l’allenatore - guardare meriti o demeriti serve a poco guardare perché conta solo il risultato". Sarebbe servito un briciolo di sana ignoranza in più, la Lazio ora è chiamata a rialzarsi. In questa stagione, le statistiche la vedono sconfitta tre volte nelle sfide con chi la precede in classifica, il calendario dice che prima di Natale i biancocelesti incontreranno Samp, Fiorentina e Inter; un tris di partite impegnativo in cui la formazione di Inzaghi dovrà confermare i ritmi di questo inizio di stagione per non allontanarsi dalla zona Europa e rimanere così attaccata al gruppo delle prime.