Inter, Icardi: "Abbiamo dominato, non possiamo rischiare così. Siamo una grande squadra"

Serie A
Mauro Icardi, attaccante dell'Inter (fonte Getty)

L'attaccante nerazzurro decisivo con una doppietta contro la Sampdoria: "Sono arrabbiato per il palo e per qualche errore nell'ultimo passaggio. Abbiamo dominato per novanta minuti, non possiamo rischiare così. A Napoli potevamo fare meglio, sappiamo che squadra siamo"

Per poco non è riuscito a portarsi il pallone a casa come in occasione del derby, ma Mauro Icardi è stato ugualmente decisivo. Doppietta contro la Sampdoria, sua ex squadra, e Inter che volta in testa alla classifica. Per almeno 24 ore, in attesa di Genoa-Napoli. Ma i nerazzurri hanno ancora una volta confermato i netti miglioramenti dimostrati in queste settimane, con l'unico neo del calo finale che ha permesso alla Sampdoria di rientrare. "Non sono soddisfatto e sono arrabbiato per il palo nel primo tempo – ha dichiarato Mauro Icardi dopo la partita con la Sampdoria - Poi ho sbagliato qualche ultimo passaggio, devo migliorare in queste cose, non posso fare certi errori. Non si può rischiare in partite del genere. Miglioramenti? Sappiamo la squadra che abbiamo e quello che possiamo fare. Abbiamo una grandissima squadra, giocatori forti e uno staff eccezionale. Ma la strada è ancora lunga, abbiamo vinto questa partita ma pensiamo già alla prossima".

"A Napoli potevamo fare meglio"

Resta però un grandissimo inizio di gara da parte dell'Inter, che si è confermata dopo la bella prova del San Paolo: "A Napoli potevamo fare anche meglio – prosegue Icardi - Ma, come detto, siamo consapevoli della squadra che abbiamo e che possiamo fare anche di più rispetto a quello che stiamo facendo. Però partite del genere bisogna chiuderle, perchè abbiamo dominato per novanta minuti e non possiamo rischiare così".  

Skriniar: "Neanche io mi aspettavo un inizio così"

Queste, invece, le parole di Milan Skriniar: “Neanche io mi aspettavo di iniziare così, ma voglio aiutare la squadra in ogni partita e se vinciamo siamo contenti tutti – ha dichiarato il difensore nerazzurro – Guardo tante partite, ma sono cresciuto grazie ai tanti bravi allenatori che ho avuto. Sia Giampaolo alla Sampdoria che Spalletti, forse per questo sono qui. Io come Samuel o Koulibaly? Sono contento per questi complimenti. Koulibaly mi piace molto, è forte e sa giocare bene la palla. Mi piacciono anche Bonucci e il mio compagno Miranda, posso imparare tanto da loro”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche