Figc, Gravina: "Chieste all'Ifab le 5 sostituzioni anche in Serie A"

Serie A

Durante il consiglio federale il presidente Figc ha annunciato che il prossimo 19 novembre si terrà a Roma un incontro formativo sull'utilizzo del Var. Sul caso razzismo: "Balotelli in Nazionale sarebbe un bel segnale"

Il presidente della Figc Gabriele Gravina, ha annunciato al consiglio federale di oggi di aver inviato all'Ifab (International Football Association Board), ente che stabilisce le regole del calcio, la richiesta di poter applicare anche al campionato di Serie A l'utilizzo delle 5 sostituzioni, in luogo di 3, come già avviene nei campionati di Serie C e Serie D.

Incontro arbitri, capitani, tecnici per Var

Il prossimo 19 novembre si svolgerà a Roma un incontro formativo tra arbitri, allenatori e capitani di Serie A, oltre ai rappresentanti dei media, per favorire una più completa ed esaustiva conoscenza del regolamento internazionale e del protocollo Var attualmente in vigore. Lo ha comunicato al consiglio federale di oggi il presidente della Figc, Gabriele Gravina, d'accordo con il numero uno dell'Aia Marcello Nicchi e con il designatore di Serie A, Nicola Rizzoli. Lo spirito della riunione è quello di ricondurre la dialettica legata alle decisioni arbitrali su binari di correttezza reciproca e, allo stesso tempo, fornire a tutti gli addetti ai lavori da parte del designatore Rizzoli gli strumenti necessari di conoscenza della materia per poter giudicare con oggettiva imparzialità.

"Balotelli in Nazionale sarebbe segnale"

"Mi auguro ci sia in tempi rapidi una partecipazione attiva nel gruppo Nazionale di Mario Balotelli: sarebbe un messaggio straordinario verso il mondo che pensa di

scoraggiare l'avversario facendo espressioni di quel tipo". E' l'auspicio del presidente della Figc, Gabriele Gravina dopo il caso di razzismo a Verona che ha visto coinvolto l'attaccante del Brescia. "E' una bellissima immagine che almeno oggi mi voglio regalare", è l'auspicio del dirigente numero uno del calcio italiano al termine del Consiglio della Figc. "Mario insieme a tutti i suoi compagni sarebbe un'immagine molto bella - dice ancora Gravina -. Non ho mai inciso su quelle che sono le scelte di Mancini perché non ho né la capacità e né il potere di farlo, lui sa benissimo quello che deve fare e vista la sua sensibilità farà tutte le considerazioni del caso".

Al presidente della Figc preme anche sottolineare che "Balotelli è italiano, io sto con lui tutta la vita: ha dimostrato di avere una sensibilità da italiano più italiano degli altri. Se ho sentito Mario? Lo conosco bene, sono particolarmente legato a lui - conclude Gravina -: quello che appare all'esterno non è l'anima di Mario Balotelli. E' un ragazzo molto bravo e deve dar sfogo alla sua vena artistica".

I più letti