Chi è Kallon, l'attaccante del Genoa arrivato in Italia dopo un viaggio di 8 mesi

Serie A

Classe 2001, contro il Cagliari ha esordito in A mostrando lampi di classe e sfiorando subito il gol. Talento, ma anche forza e determinazione, come racconta la sua storia personale: fuggito dalla Sierra Leone a 14 anni, è arrivato in Italia con il barcone dopo un viaggio di 8 mesi. Il suo modello? Ce l'ha in casa: "Mi ispiro a Pandev"

È solo omonimo di “quel” Kallon che in Italia giocò anche con la maglia dell’Inter (quando in rosa c’erano Ronaldo e Vieri), ma perché nella sua terra d’origine, la Sierra Leone, è il cognome più diffuso. L’intenzione, però, è quella di seguirne le orme, perché a nemmeno 20 anni, Yayah Kallon ha le idee chiarissime: “Voglio arrivare più in alto possibile, allenarmi bene e dare sempre di più”, dice dopo la sua prima in A, 45 minuti di Cagliari-Genoa spesi collezionando occasioni e sfiorando quello che sarebbe stato uno storico gol all’esordio.

Manca solo il gol

L’ha fermato solo la bandierina del guardalinee – era scattato in fuorigioco di pochi centimetri – dopo che aveva depositato la palla in rete aggirando anche il portiere e mostrando buona parte di quel repertorio che ha incantato il Genoa fin da subito: dribbling secco e velocità in campo aperto, qualcosa da migliorare in fatto di precisione, come ammette lui stesso: “Me lo dice anche il mister”, conferma ai microfoni di Sky dopo che Billy Costacurta ne aveva tracciato il ritratto: “Forse non si rende conto nemmeno lui del numero di occasioni da gol che si crea in una partita: se le sfruttasse tutte… Ecco, deve imparare a fare gol”. E per farlo, in casa Genoa, non mancano i modelli. “A chi mi ispiro? Pandev”. Curiosamente, nella rosa dell’Inter di “quel” Kallon, stagione 2001-2002, c’era anche lui, l’attuale capitano del Genoa, all’epoca diciottenne appena arrivato in Italia e mai sceso in campo, ma protagonista con la Primavera nerazzurra.

In Italia con il barcone

E dalla Primavera, ma del Genoa, è partito anche Yayah Kallon, ma la sua storia inizia da molto più lontano. È la storia di un ragazzo fuggito a 14 anni dal suo Paese e arrivato in Europa attraversando 5 stati, viaggiando lungo l’Africa per 8 mesi prima di raggiungere l’Italia con un barcone, come racconta lui stesso. "In Sierra Leone c'è un gruppo terroristico che rapisce i bambini per trasformarli in soldati e i miei genitori avevano paura che potesse succedere anche a me: così hanno deciso di farmi partire. Non volevo, ma è stata la cosa migliore”.
 

“La mia prima squadra in Italia? Ho iniziato giocando a 5 con i miei amici, poi ho fatto un provino con l’Entella”. Il passo seguente è stato la Primavera del Genoa: 9 gol e 7 assist giocando da seconda punta in questa stagione, finché Ballardini non l’ha aggregato alla prima squadra per l’ultima di campionato. E c’è da scommetterci che sia solo l’inizio del suo nuovo viaggio. Questa volta, uno splendido viaggio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche