13 ottobre 2017

Parma, D'Aversa: "Servirà equilibrio. Sarà emozionante tornare a Pescara"

print-icon
Roberto D'Aversa

Roberto D'Aversa, allenatore del Parma (Foto: Parma)

L'allenatore degli emiliani ha presentanto la sfida di domani col Pescara: "La squadra è in buone condizioni, a Palermo abbiamo finito in crescendo. Ci vogliono equilibrio e pazienza, oltre a migliorare in zona di rifinitura"

In vista della partita Parma-Pescara valido per la 9° giornata del campionato di Serie B, Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa di Collecchio. Per l’allenatore, di origini pescaresi ed ex giocatore biancazzurro, ci sarà “l’emozione di rivedere degli amici, parlo della soprattutto della dirigenza e della proprietà del Pescara, ma la partita di domani e non penso ad altro: è troppo importante riuscire ad ottenere un risultato positivo”. D’Aversa di recente ha speso belle parole per il tecnico del Pescara, Zdenek Zeman: “La sua storia dimostra che si è sempre reso protagonista di bei campionati, esprimendo un bel calcio, con tanti gol, penso ad alcune esperienze come il Pescara promosso in Serie A con lui qualche anno fa, ma anche con il Foggia. Se dovessi scegliere tra un gol su calcio piazzato o su azione? Certo, vorrei che si sbloccasse un attaccante, ma in testa abbiamo prima di tutto l’obiettivo di portare a casa un risultato importante ed questa la cosa che conta di più”.

D’Aversa: “Germoni non ci sarà”

“La squadra è in buone condizioni, a Palermo abbiamo finito in crescendo. Per quanto riguarda gli assenti, Germoni non è convocato perché non ha assorbito la botta al ginocchio, inoltre dobbiamo valutare Ceravolo e Scozzarella: quest’ultimo ha preso una botta, vediamo. Se andiamo a rivedere le partite giocate in casa, c’è rammarico per la gara contro la Salernitana, dove abbiamo prodotto 60 minuti di ottimo calcio: probabilmente è una questione di atteggiamento, fuori casa siamo più compatti, dobbiamo farlo anche in casa sia quando siamo in vantaggio sia quando la gara è ancora in equilibrio. Come si cerca continuità? A Palermo ci siamo espressi con una buona trama nel secondo tempo, stiamo migliorando dal punto di vista del gioco, ma dobbiamo essere presenti in partita anche con la giusta concentrazione, perché in Serie B non ti puoi permettere di mollare un centimetro. Ci vogliono equilibrio e pazienza, oltre che migliorare in zona rifinitura. A volte ci può essere un errore nel gesto tecnico da parte di qualcuno ma ci vuole tempo per migliorare e adeguarsi nella categoria: in squadra c’è gente che due anni fa era in D e ora è in B. A tutto questo poi va aggiunta la bravura dell’avversario, come nel caso di Pomini che nella gara di Palermo ha fatto due grandi interventi su Calaiò” ha proseguito l’allenatore.

Presentazione del Pescara

“Loro hanno dimostrato di essere più equilibrati in trasferta che in casa. Da quel che si è visto loro hanno una compattezza diversa in trasferta, hanno infatti ottenuto due pareggi per 0-0. La loro filosofia è quella di provare a giocare a calcio sempre, anche nelle difficoltà. Nella testa dei miei giocatori c’è la stessa volontà di creare, mi auguro sia una bella partita, dovremo affrontarla con equilibrio. La nostra curva è un valore aggiunto, lo ha dimostrato l’anno scorso e continua a farlo anche quest’anno, penso ad alcune partite che non abbiamo vinto ma dove è stato compreso che i ragazzi avevano dato tutto. Sarebbe bello vedere far sì che al Tardini le squadre che vengono per giocare devono sudare anche solo per un punto da portare via” ha concluso D’Aversa.

I PIU' VISTI DI OGGI