Parigi-Nizza, seconda tappa nel segno di Colbrelli

Ciclismo

Francesco Pierantozzi

Sonny Colbrelli show, la seconda tappa della Parigi-Nizza è sua (Foto Getty)
sonny_colbrelli__getty

Degenkolb e Demare si fanno sorprendere dal 26enne bresciano, primo al traguardo dei 200 km da Rochefort-en-Yvelines ad Amilly

Vincere pensando a Sanremo, vincere battendo due che la Sanremo l'hanno già vinta e nelle ultime due edizioni. Sonny Colbrelli, bresciano di ventisei anni, alla Parigi-Nizza sbuca sotto una divisa tra il palombaro e l'esploratore artico, nella pioggia e nel freddo, sul traguardo della seconda tappa, 200 km scarsi da Rochefort-en-Yvelines ad Amilly, e sprinta su Degenkolb, primo a Sanremo nel 2015 e Demare, primo nel 2016 (col dubbio dell' "aiutino" sulla Cipressa, che avrebbe, secondo qualcuno, di fatto attaccato a un'ammiraglia).

Sbuca non all'improvviso perché la qualità c'è sempre stata, nascosta forse sotto qualche chilo di troppo, per un corridore che non è tecnicamente un velocista ma qualcosa di più, un uomo da gare di un giorno e magari da classiche. Parlare di Milano-Sanremo alla Parigi-Nizza è scontato, è uno dei due warm-up obbligati, l'altro è la Tirreno-Adriatico, per chi vuole arrivare primo in via Roma, e un italiano non ci riesce da 11 anni, ultimo Filippo Pozzato.

A proposito di classiche: nella seconda tappa anche una prova generale dìautore di Philippe Gilbert, con curriculum pesante, una Liegi, due Lombardia, un Mondiale, che va in fuga e poi si fa una decina di chilometri da solo mettendo il gruppo in fila. Il più classico dei numeri per chi ha classe e gambe. A Sanremo non ha mai vinto, due volte terzo, ma chi non ci pensa…?

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport