Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, la tripla di Marco Belinelli decide Raptors-Spurs: e lui twitta dei puntini. VIDEO

NBA

Il n°18 azzurro di San Antonio firma i tre punti del definitivo sorpasso contro Toronto, una bomba che ha chiuso i conti a 28 secondi dalla sirena: un acuto sottolineato anche via social da Belinelli, che spera così di venir fuori da un momento complicato della sua stagione e cruciale per la carriera

100-100, 77 secondi alla sirena finale. La partita tra San Antonio e Toronto si è decisa lì, in quell’ultima manciata di istanti, combattuta e intensa tra due squadre che a loro modo avrebbero meritato entrambe il successo. A rompere l’equilibrio è un tiro libero a segno di Pascal Siakam che lascia 41 secondi sul cronometro, il possesso fondamentale per gli Spurs per provare a vincere una partita altrimenti compromessa. Popovich chiama timeout, disegna il suo schema e sceglie i cinque giocatori da mandare in campo. C’è anche Marco Belinelli, perché un tiratore con la sua esperienza fa sempre comodo in situazioni del genere - anche se reduce dal peggior periodo dei suoi ultimi 10 anni nella lega, rimasto più volte seduto a guardare i compagni per tutti e 48 i minuti. Popovich è così, prendere o lasciare; sta ai giocatori farsi trovare pronti sempre, anche quando meno te lo aspetti. E il destino per una volta sorride al n°18 azzurro in questa regular season: DeMar DeRozan infatti si complica la vita in palleggio in penetrazione, ma attira su di sé ben tre avversari. A quel punto resta spazio sul perimetro per Belinelli, pronto a colpire dall’arco: ricezione, finta su Siakam che vola via non riuscendo a opporsi e poi una tripla frontale che vale più delle decine di canestri da lontano che mancano all’appello nella sua stagione. Un tiro che è una vera e propria liberazione, il graffio del campione di chi vuole ritrovare fiducia e soprattutto spazio in campo. Alla sirena finale sono 5 i punti a referto, ma mai come questa volta hanno un peso specifico che va ben oltre: un canestro che vale anche un tweet, criptico per non tirare fuori sentenze affrettate. Diversi punti sospensivi, quasi a trattenere la voglia di dire qualcosa, a replicare a chi ha parlato in maniera avventata delle sua stagione complicata. A buon intenditore insomma, poche parole. A volte anche nessuna.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche