Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: Tim Duncan, prima vittoria da capo allenatore in carriera con gli Spurs

SAN ANTONIO
©Getty

L'ex numero 21 degli Spurs ha preso il posto dell'assente Gregg Popovich per una gara, guidando San Antonio nel successo in volata contro Charlotte: "Merito dei miei assistenti, alla prossima rientra Pop e io torno al mio posto"

Tim Duncan ha vinto la sua prima partita in carriera da capo allenatore, chiamato per un giorno a sostituire l’assente Gregg Popovich sulla panchina degli Spurs nella sfida di Charlotte. Lo storico coach di San Antonio è stato costretto ad assentarsi per ragioni personali e d’accordo con la società tornerà a bordocampo nella prossima sfida contro Brooklyn. Nel frattempo il suo beniamino Duncan, assistente allenatore dei texani, ha fatto un passo avanti, godendosi per la prima volta la seduta più importante sulla panchina di San Antonio: “Non è merito mio: a dire la verità, la gara è stata preparata alla grande da Mitch Johnson, Becky Hammon e Will Hardy – i miei colleghi più che i miei assistenti. Loro hanno fatto la maggior parte delle chiamate, hanno indicato gli schemi. Io ho soltanto passato il tempo a urlare cose senza senso ai giocatori”. La solita modestia, manifestata anche nel momento in cui gli si chiede conto di un possibile subentro al posto di Popovich: “Non scherziamo, Pop tornerà già dalla prossima sfida e io sono felice di riprendere il mio posto al suo fianco”. Un successo sofferto contro Charlotte, con San Antonio che ha rischiato di perdere per strada le cinque lunghezze di margine negli ultimi istanti di gara; un bel test per Duncan contro una sua vecchia conoscenza: “Era talentuoso da giocatore e sembra poterlo essere anche da allenatore – sottolinea coach Borrego, per anni assistente degli Spurs quando Duncan dominava ancora sul parquet – in fondo non sarei qui a parlarvi nel ruolo di allenatore se non fosse stato per le sue prodezze in campo”, chiosa sorridendo, ricordando i tanti successi raccolti dai texani grazie all’All-Star in maglia numero 21. La partenza ritardata di San Antonio contro Charlotte ha inoltre permesso a Duncan di rispolverare anche un grande classico del repertorio Popovich: il timeout dopo pochi minuti di gioco, visto il 12-2 con cui si è aperta la partita. Stesso stile e soprattutto stesso risultato, una vittoria. Non poteva esserci partenza migliore per Tim. 

NBA: SCELTI PER TE