Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA: Coach Nurse ha "distratto" Tatum in un possesso decisivo di gara-6?

l'episodio
©Getty

Fa discutere una delle ultime azioni dei tempi regolamentari della sfida tra Boston e Toronto, durante la quale l’allenatore dei Raptors ha messo i piedi in campo in angolo confondendo il n°0 dei Celtics che ha scaricato verso di lui perdendo così un possesso decisivo: “Le persone adulte dovrebbero sapersi controllare”, sottolinea Brown a fine gara

RIVIVI LE EMOZIONI DI BOSTON-TORONTO SU SKY: LA PROGRAMMAZIONE

In una partita ricca di colpi di scena e terminata dopo 58 minuti di intensa battaglia, non potevano mancare anche i motivi per recriminare da parte dei Celtics - a un passo dalla qualificazione alla finale di Conference, avanti nel punteggio sia nel quarto periodo che nei due overtime, prima di essere beffati nel rush finale. A far discutere è un possesso nell’ultimo minuto dei tempi regolamentari, sul 98-98 e con Boston a gestire un pallone pesantissimo. Tatum è in punta, penetra, prova a battere il suo avversario e poi si volta verso l’angolo alla sua sinistra. Daniel Theis è in parte di lato, mentre davanti al n°0 dei Celtics appare una persona con i piedi in campo, pronto a ricevere il pallone: Nick Nurse. Si vede bene dal breve video nel tweet embeddato nel pezzo: l’allenatore dei Raptors non è nell’area riservata alla panchina, ma molto più avanti, confondendo non poco il portatore di palla dei Celtics. Una violazione che andrebbe sanzionata, ma che gli arbitri non colgono (o fanno finta di non vedere) - conducendo così alla palla persa di Boston, al pareggio nel punteggio, ai due overtime e a tutto il resto.

vedi anche

Toronto batte Boston, si va a gara-7. 3-1 Clippers

Uno dei tanti snodi cruciali di una partita che forse sarebbe potuta finire ben prima e con un esito diverso. Non è però dello stesso parere Jayson Tatum, che preferisce rispedire al mittente le polemiche e concentrarsi già su gara-7: “È stata solo ed esclusivamente colpa mia - sottolinea il n°0, dimostrando ancora una volta grande maturità - non posso certo prendermela con Nick Nurse. Lui non stava giocando e io me ne sarei dovuto accorgere”. Di avviso ben diverso invece Jaylen Brown, che non perde l’occasione per lanciare una delle tante frecciate nei confronti degli avversari in vista di un’infuocata sfida finale: “Le persone adulte dovrebbero saper controllare le proprie reazioni e i propri comportamenti, in modo particolare quelli che fanno parte del coaching staff”. Secondo alcuni, un riferimento anche alla tensione e agli spintoni volati dopo la sirena finale sul parquet. Per altri soltanto l’antipasto di un lungo pre-partita già iniziato e che andrà avanti nelle prossime 48 ore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche