Please select your default edition
Your default site has been set

Basket, Pau Gasol si ritira: "Dura fermarsi. Grazie di tutto"

basket

Pau Gasol, leggenda del basket spagnolo, ha annunciato il suo ritiro in una conferenza stampa a Barcellona: "E' dura fermarsi. Caro basket, grazie di tutto". Ha vinto tutto tra Nba ed Europa. Nel suo saluto, un ricordo commosso di Kobe Bryant: "Per me era come un fratello"

TUTTE LE REAZIONI DEL MONDO NBA AL RITIRO DI PAU GASOL

A due mesi dalla sua ultima apparizione in nazionale, ai Giochi di Tokyo, la leggenda del basket spagnolo ed europeo Pau Gasol ha annunciato a 41 anni il suo ritiro dal professionismo. "E' una decisione difficile da prendere dopo tanti anni ma è una decisione ponderata - ha detto Gasol non senza commozione in una affollata conferenza stampa a Barcellona -. Io contavo di chiudere giocando, non tra stampelle e interventi chirurgici". Dopo 20 anni in Nba, dove ha vinto due anelli con il Lakers a fianco di Kobe Bryant - lo sfortunato fuoriclasse che tanto lo ammirava in campo da diventargli amico intimo e da fargli fare da padrino ad una delle figlie - il gigante catalano era tornato sei mesi fa al club blaugrana per rimettersi in sesto dopo un lungo stop per un infortunio al piede sinistro, ha conquistato il suo ultimo scudetto e sfiorato l'assalto all'Eurolega prima di partire per la quinta Olimpiade, dove ancora una volta la sua Spagna si è ritrovata a fare i conti con gli Usa, uscendo ai quarti. Le statistiche sono impressionanti, la bacheca di trofei è quasi inimitabile - almeno in Europa -, ma oltre che dai numeri, dalle coppe e dalle medaglie, la grandezza di Gasol era fatta di presenza in campo, voglia, leadership. Tutti lo ammiravano, e lo ammireranno, per la sue imprese sportive, ma anche per il suo carattere e la sua generosità, spesso impegnato in attività di beneficenza, come quando durante la pandemia, insieme con Rafa Nadal, ha aiutato a raccogliere quasi 14 milioni di euro per la Croce Rossa spagnola. Selezionato sei volte per l'All-Star game dopo essere stato nominato Rookie of the Year nel 2002 al suo sbarco in Usa ai Memphis Grizzlies, Gasol è stato preso dai Lakers nel 2008 e in sei stagioni ha vinto il titolo nel 2009 e nel 2010. Ha anche giocato in seguito con i Chicago Bulls e i San Antonio Spurs, mentre le successive esperienze ai Milwaukee Bucks e ai Portland Trail Blazers sono state segnate dagli infortuni. Intanto, con lui la Spagna ha dominato: un titolo mondiale, due medaglie d'argento e un bronzo olimpici, tre titoli europei. Nel suo saluto, Gasol ha avuto parole speciali per il 'suo' club, il Barca, e il suo amico Bryant. "Sono grato a tutti per aver vinto un altro campionato con il Barcellona ma questo non è un addio, è un arrivederci - ha detto -. Ho chiuso da giocatore ma ci sono molte strade aperte. Le possibilità di fare cose importanti sono tante, o almeno questa è la speranza che ho. Mi sarebbe davvero piaciuto che Kobe fosse qui, ma non è possibile - ha concluso, con le lacrime agli occhi -. La vita a volte non è giusta. Mi ha insegnato come essere un giocatore migliore, un leader migliore, per me era un fratello maggiore". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche