Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, 541 giocatori in campo in una sola stagione: l'uomo del record è Greg Monroe

RECORD
©Getty

Con il debutto di Greg Monroe di stanotte, sono diventati 541 i giocatori NBA a scendere in campo quest’anno — un nuovo record nella storia della lega. Il veterano che è tornato dopo due anni fuori dalla NBA ha detto con sincerità di non conoscere i suoi nuovi compagni di squadra: "Jaylen Nowell ha giocato alla grande, ma non sapevo neanche chi fosse. Non lo avevo mai visto prima"

Non siamo neanche arrivati a gennaio, eppure questa stagione è già nella storia. Con il debutto di Greg Monroe — veterano che non scendeva in campo in NBA dal 2019 — con i Minnesota Timberwolves, sono diventati 541 i giocatori ad aver disputato almeno un minuto in campo in questo 2021-22, un nuovo record per la storia NBA. Ovviamente c’entrano i tantissimi casi di positività delle ultime settimane, a cui la lega ha deciso di far fronte costringendo le squadre a firmare giocatori con contratti di dieci giorni pur di avere abbastanza corpi da mandare in campo, permettendo anche a giocatori come il vecchio Monroe di riguadagnarsi una nuova chance. Dopo un paio di anni tra Germania e Russia, l’ex scelta numero 7 al Draft 2010 dei Detroit Pistons aveva giocato 12 partite in G-League per l’affiliata degli Washington Wizards prima di ricevere la chiamata dai Timberwolves. Dopo la partita ha raccontato la sua odissea per essere presente a Minneapolis la sera stessa: "Mi sono svegliato alle 4, il primo aereo è stato cancellato" ha spiegato. "Alle 7 ho lasciato Washington e sono andato a Chicago, poi sono arrivato a Minneapolis verso le 11. Ho fatto il test per il Covid, mi sono riposato un po’, e sono arrivato all’arena alle 16. Ho parlato un po’ con il coach, ho stretto le mani ai miei compagni di squadra, e poi sono andato in campo". Coach Finch lo ha messo a suo agio dicendogli di giocare esattamente come faceva in G-League, facilitando dal post alto e facendosi sentire in area; la risposta di Monroe (che, al netto di tutto, ha appena 31 anni) è stata eccellente, chiudendo con 11 punti, 9 rimbalzi, 6 assist, 2 recuperi e una stoppata in 25 minuti nel successo dei T’Wolves sui Boston Celtics.

Monroe sincero: "Jaylen Nowell un grande, ma non sapevo chi fosse"

approfondimento

La NBA accorcia la quarantena: da 10 a 6 giorni

"È stato tutto confuso, ero così concentrato sul farmi trovare pronto una volta chiamato che non ho neanche avuto bene la possibilità di digerire tutto" ha continuato Monroe con grande sincerità. "In questa lega non si ha molto tempo per farlo, dopotutto. Abbiamo un’altra partita domani e i Knicks stanno giocando bene. Al momento quello è il mio obiettivo principale”. Ce ne sarebbe anche un altro: imparare i nomi dei suoi compagni di squadra: "Non vi mentirò: Jaylen Nowell ha giocato alla grande stasera, ma non sapevo neanche chi fosse. È la prima volta che lo vedo. Il gioco è lo stesso, ma le persone cambiano. Stasera è stato un giovane ad approfittare dell’opportunità". Un giovane come Nowell, certo, ma anche un veterano come Monroe: da oggi sarà “Mr. 541°”, un nuovo record di questa stranissima stagione NBA.