Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 giugno 2012

Dramma nella pallamano: muore sotto un treno Alessio Bisori

print-icon
ale

Dramma nel mondo della pallamano: l'azzurro Bisori è morto sotto un treno

Il giocatore, 24 anni, doveva raggiungere Fasano di Brindisi per il raduno azzurro. Giocava con l'Ambra, era titolare in Nazionale con cui aveva collezionato 54 presenze. Il fatto è accaduto alla stazione di Bologna. Ha lasciato un biglietto alla famiglia

Dramma nel mondo della pallamano. L'azzurro Alessio Bisori è morto sotto un treno alla stazione di Bologna la scorsa notte: il giocatore, 24 anni, doveva raggiungere Fasano di Brindisi per il raduno della nazionale in vista del torneo di qualificazione agli europei del 2014, in programma a Bari dall'8 al 10 giugno.

Nato a Prato il 14 febbraio 1988, giocava con l'Ambra ed era titolare in Nazionale, con cui aveva collezionato 54 presenze.
La notizia della tragica scomparsa dell'azzurro ha sconvolto il mondo della pallamano: il presidente della federazione, Francesco Purromuto, ha espresso alla famiglia del giocatore "il più profondo cordoglio del movimento" disponendo un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive della pallamano che si disputeranno in Italia oggi e nel prossimo week-end. La Nazionale al torneo di Bari giocherà con il lutto al braccio. "Con la scomparsa di Alessio Bisori la pallamano italiana - fa sapere la federazione - perde uno dei suoi più giovani talenti e un punto di forza della Nazionale azzurra".

L'ipotesi - Secondo le prime ricostruzioni, il ragazzo ha preso ieri una stanza d'albergo a Bologna dove avrebbe lasciato un biglietto per la sua famiglia. Per la polizia ferroviaria l'ipotesi potrebbe essere anche quella del suicidio.

Il cordoglio della lega - "La pallamano italiana perde uno dei suoi più valorosi portabandiera". Lo scrive Stefano Podini, presidente della Lega Pallamano Italiana d'Elite Maschile, nell'esprimere il cordoglio alla famiglia di Alessio Bisori, unitamente a tutte le Società di Elite. "Un forte abbraccio" è poi rivolto "ai compagni di squadra, di club e della nazionale che in questi anni hanno avuto la fortuna e l'onore di giocare con Alessio".