Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 marzo 2013

Baumgartner non si accontenta: "Voglio andare sulla Luna"

print-icon
fel

Il famoso lancio da 38.969,4 metri di altezza nei cieli del Nuovo Messico

Dopo il salto dalla stratosfera dell'ottobre 2012 , l'austriaco ha ora in mente una nuova sfida. "Il futuro è dei viaggi nello spazio per le persone. Le società che arrivino ad offrire rapidamente tutto questo a un prezzo economico domineranno l'universo"

Dopo il suo salto dalla stratosfera, l'austriaco Felix Baumgartner ha ora in mente una nuova sfida: andare sulla Luna, come spiega a Sport Bild. "Mi piacerebbe andare sulla Luna. Chissà se verrà qualcuno a dirmi: fai attenzione, te lo  finanzio...", ha dichiarato lo sportivo estremo al giornale tedesco.

Secondo il paracadutista e base jumper austriaco che il 14 ottobre 2012 è stato il primo uomo a superare la velocità del suono in caduta libera, lanciandosi da 38.969,4 metri di altezza nei cieli del Nuovo Messico, "il futuro è dei viaggi nello spazio per le persone. I grandi Paesi non hanno ormai più denaro da investire in questo tipo di attività. Le stazioni spaziali dovrebbero essere provviste di alimenti, acqua e combustibile. Le società che arrivino ad offrire rapidamente tutto questo a un prezzo economico domineranno l'universo", ha spiegato il 43enne austriaco.

Baumgartner è convinto che questo tipo di trasporto si trasformerà in un servizio normale, come qualunque altro, come l'invio di lettere o pacchi, e lui vuole essere uno dei  primi "pacchi" ad essere inviati nello spazio. L'austriaco è diventato famoso in tutto il mondo quando è atterrato sano e salvo sulla Terra dopo avere completato il suo salto record dalla stratosfera lanciandosi da una capsula a 39 chilometri di altezza.