Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 maggio 2016

Sprint d'oro della Pellegrini: trionfa nei 200 sl

print-icon
fed

Quarto oro europeo suoi 200 sl per Federica Pellegrini (LaPresse)

A Londra l’azzurra sale per la quarta volta in carriera sul gradino più alto del podio d’Europa della sua specialità. Beffata la Heemskerk all’ultima bracciata: "E' la ciliegina sulla torta di un percorso". Meraviglioso bronzo per D'Arrigo, Magnini, Dotto e Detti nella 4x200 sl

Con un’ultima vasca delle sue Federica Pellegrini sale ancora una volta sul gradino più alto del podio nei suoi 200sl. Agli Europei di Londra Federica (1’55’’93) beffa l’olandese Heemskerk (1’55’’97) all’ultima bracciata. La veneta entra nella storia con il quarto titolo europeo su questa distanza. Bronzo alla francese Bonnet. Quella della Pellegrini è stata ancora una volta una gara in rimonta. Forse stavolta lo è stato ancora di più visto che Federica è riuscita ad effettuare il sorpasso sull'olandese solo negli ultimi metri. Questo oro rappresenta una ulteriore iniezione di fiducia per Federica in vista di Rio. "Sono contenta. Questa medaglia è il mio quarto titolo europeo ma soprattutto è la ciliegina sulla torta di un percorso": così Federica Pellegrini commenta la vittoria nei 200 stile agli Europei di Londra. "Sono contenta - ha ribadito la veneta - E dire che pensavo di non farli i 200. Ma sono contenta del mio percorso in questa settimana in cui ho dato sempre il massimo. Ma sarei stata contenta anche se non avessi vinto".

La 4x200 azzurra (D’Arrigo, Magnini, Dotto, Detti) conquista nella gara conclusiva di giornata una meravigliosa medaglia di bronzo in 7’08’’30 alle spalle di Olanda e Belgio. Staffetta meravigliosa quella azzurra trascinata nella frazione finale da uno strepitoso Gabriele Detti (1’45’’39, miglior prestazione di tutta la gara). Con questo tempo gli azzurri trovano il tempo anche per le Olimpiadi. Fuori dal podio Francia e Gran Bretagna.
Gli altri azzurri - Fuori dal podio Codia (51"82) e Rivolta (51"96) nei 100 farfalla, i due azzurri chiudono rispettivamente quarto e quinto nella finale dominata dall’immortale Lazlo Cesh. Boglarka Kapas come Gregorio Paltrinieri. La fondista ungherese infatti, bissa il successo negli 800 metri di giovedì, vincendo anche la medaglia d'oro nei 1.500 metri. Con 15'50"22 ottiene anche il nuovo record dei campionati europei. Quinto posto per Simona Quadarella, che ha nuotato in 16'22"64. Nei 200 dorso vinti da Kawecki settimo posto per Ciccarese (1'59''45), ottavo per Mencarini (2'02''04). Toniato chiude ultimo in 27’’79 nei 50 rana dominati dall’idolo di casa Adam Peaty. Nei 200 farfalla trova il pass per la finale ma soprattutto quello per Rio Alessia Polieri che domina la seconda semifinale in 2’07’’49 (miglior tempo assoluto d’ingresso), finale dove ci sarà anche Stefania Pirozzi (2’10’’11). Fuori a sorpresa la spagnola Mireia Belmonte Garcia.Entra in finale con l’ultimo tempo utile nei 50 stile libero Luca Dotto (22’’17), fuori Bocchia. Entra in finale tra le donne anche Silvia Di Pietro con l’ultimo tempo (25’’09), fuori Erika Ferraioli.