Judo, Grand Slam Baku 2019. I risultati: il Giappone chiude in testa nel medagliere

Altri Sport

Il Giappone chiude in testa nel medagliere del Grand Slam di Baku con 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Secondo posto per il Brasile (2 ori e 1 bronzo), terzo l'Azerbaigian, Paese ospitante (1 oro, 2 argenti e 4 bronzi). Italia assente dal torneo per scelta tecnica

CADE IL CELLULARE SUL TATAMI: SQUALIFICATO

Il Giappone, seppur con qualche risultato al di sotto delle aspettative, è il Paese più vincente al Grand Slam di Baku. La Nazionale asiatica si è presentata in Azerbaigian con tanti atleti di primissimo livello, una formazione che le ha consentito di arrivare in testa nel medagliere del torneo con 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Proprio i due argenti, arrivati da Shishime (-52 kg donne) e Yoshida (-57 kg donne), sono la vera sorpresa, dato che il Giappone contava di chiudere il Grand Slam almeno con 4 medaglie d’oro. Alle spalle del Giappone nel medagliere troviamo il Brasile, secondo con 2 ori e 1 bronzo. L’Azerbaigian padrone di casa si toglie la soddisfazione di salire sul podio: terzo posto nel medagliere con 1 oro, 2 argenti e 4 bronzi. A Baku assente l’Italia, che non ha partecipato al Grand Slam per scelta tecnica: gli azzurri hanno preferito concentrarsi sull’Europeo che si svolgerà tra un mese all’interno degli European Games di Minsk. Inoltre il Grand Slam di Baku è l’ultimo torneo del World Tour in cui i punti conquistati saranno conteggiati al 50% ai fini della qualificazione olimpica a Tokyo 2020: anche per questo motivo l’Italia ha scelto di puntare sui prossimi eventi che saranno conteggiati al 100%.

Tutte le medaglie del Grand Slam di Baku

-48 kg F
1 Martinez Abelenda (Esp)
2 Figueroa (Esp)
3 Nikolic (Srb) e Costa (Por)

-52 kg F
1 Buchard (Fra)
2 Shishime (Jpn)
3 Pimenta (Bra) e Primo (Isr)

-57 kg F
1 Silva (Bra)
2 Yoshida (Jpn)
3 Karakas (Hun) e Receveaux (Fra)

-60 kg M
1 Kitadai (Bra)
2 Nozadze (Geo)
3 Abuladze (Rus) e Dashdavaa (Mgl)

-66 kg M
1 Vieru (Rou)
2 Shikhalizada (Aze)
3 Yondonperenlei (Mgl) e Iadov (Ukr)

-63 kg F
1 Tashiro (Jpn)
2 Trstenjak (Slo)
3 Trajdos (Ger) e Franssen (Ned)

-70 kg F
1 Arai (Jpn)
2 Bernholm (Swe)
3 Howell (Gbr) e Bernabeu (Esp)

-73 kg M
1 Heydarov (Aze)
2 Butbul (Isr)
3 Orujov (Aze) e Valiyev (Aze)

-81 kg M
1 Muki (Isr)
2 Ivanov (Bul)
3 Casse (Bel) e Grigalashvili (Geo)

-78 kg F
1 Malzahn (Ger)
2 Wagner (Ger)
3 Hamada (Jpn) e Malonga (Fra)

+78 kg F
1 Kalanina (Ukr)
2 Ceric (Bih)
3 Kindzerska (Aze) e Velensek (Slo)

-90 kg M
1 Majdov (Srb)
2 Mehdiyev (Aze)
3 Toth (Hun) e Sherazadishvili (Esp)

-100 kg M
1 Korrel (Ola)
2 Zankishiev (Rus)
3 Kotsoiev (Aze) e Fletcher (Irl)

+100 kg M
1 Zaalishvili (Geo)
2 Shakhbazov (Rus)
3 Simionescu (Rou) e Krivobokov (Rus)

Egutidze, cade il telefonino e viene squalificato

Nel corso delle eliminatorie della categoria -81 kg maschili, si è verificato uno degli episodi più curiosi del Grand Slam di Baku. Il portoghese Anri Egutidze (16° nella ranking mondiale) è stato squalificato nel match contro lo svedese Robin Pacek per un motivo davvero inusuale. Durante il combattimento, dalla tasca del judogi di Egutidze salta fuori un cellulare, che cade a terra. Pacek lo raccoglie e lo restituisce al portoghese, che viene immediatamene squalificato dall'arbitro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche