Zanardi, "La Grande Staffetta" su Sky Documentaries. Il reportage in prima tv

il 3 settembre

Arriva il 3 settembre il docu-film che racconta, attraverso interviste e video dei partecipanti, il progetto ideato da Zanardi con gli atleti paralimpici di Obiettivo3.Tra loro, anche Katia Aere, 50enne paraciclista che ha appena conquistato alle Paralimpiadi di Tokyo la medaglia di bronzo nella prova in linea della categoria H5

PARALIMPIADI, TUTTE LE MEDAGLIE AZZURRE

L’impresa sportiva in bici da corsa, hand bike e carrozzina olimpica da una parte all’altra dello stivale, passandosi di mano in mano il testimone, che è molto più di un semplice oggetto. Questa è La Grande Staffetta, in prima visione il 3 settembre su Sky Documentaries (canali 122 e 402) e in streaming su NOW, che viene raccontata nel reportage dedicato ad Alex Zanardi e che segue il percorso da lui stesso ideato per unire tutta l’Italia, portando con sé la voglia di condividere, il senso di comunità e il sistema di autentico altruismo che lega ancora oggi i partecipanti. 

zanardi

La Grande Staffetta è il racconto dell’impresa sportiva organizzata da Zanardi con i suoi ragazzi di Obiettivo 3, l’associazione da lui creata che aiuta e recluta atleti paralimpici. Nel giugno del 2020 sono riusciti a mettere insieme 51 ragazzi pronti ad attraversare l’Italia dall’estremo Nord all’estremo Sud. Un percorso che in totale ha toccato venti regioni Italiane con l’obiettivo di arrivare, portando il testimone di mano in mano, a Santa Maria di Leuca. Padrino di questa staffetta unica è Alex Zanardi, ex pilota e atleta paralimpico, grande motivatore che è riuscito con la sua incredibile forza d’animo a mettere insieme questa iniziativa

zanardi

leggi anche

Tutte le 69 medaglie dell'Italia a Tokyo

È proprio in una delle giornate della staffetta, nei pressi di Pienza, che avvenne il tragico incidente che da allora lo tiene in un letto d’ospedale. La sua partecipazione e la sua persona vengono ricordate in questo documentario - in prima visione su Sky Documentaries e in streaming su NOW - che è a lui dedicato con grande affetto e stima da parte dei suoi compagni di staffetta, da parte degli amici, dei cari e dei suoi “protetti”. Alle riprese lungo la strada, si aggiungono le commosse testimonianze degli altri partecipanti, e dei “suoi atleti”, persone che grazie a lui, al suo esempio, alla sua forza d’animo, sono riusciti a superare i propri limiti e a intraprendere la carriera atletica. 

zanardi

Dopo il terribile incidente, che colpì tutti in maniera profonda, gli altri atleti decisero di portare comunque a termine la staffetta in suo onore. A mettersi in gioco tra più forti atleti paralimpici, per dimostrare ad Alex di aver appreso il suo primo insegnamento: mai mollare!  Poiché la forza sta nella voglia irrefrenabile di vivere e nel guardare sempre avanti sostenendosi l’un l’altro, passandosi questi valori tramite il testimone, di mano in mano fino ad arrivare al traguardo.

paralimpiadi
Katia Aere ha conquistato il bronzo nella prova in linea della categoria H5 alle Paralimpiadi di Tokyo - ©Ansa

Obiettivo3, la prima medaglia paralimpica con Katia Aere. La storia

Primo settembre 2021, una data che resterà per sempre scolpita nella storia di Obiettivo3. Katia Aere, cinquantenne paraciclista friulana, ha conquistato alle Paralimpiadi di Tokyo la medaglia di bronzo nella prova in linea della categoria H5. È la prima medaglia olimpica della storia di Obiettivo3, è la prima medaglia olimpica per Katia, è il coronamento di un sogno lungo quattro anni. Il sogno di Alex Zanardi. Katia Aere incarna alla perfezione il significato più profondo del progetto Obiettivo3. Dopo una lunga e soddisfacente carriera nel nuoto, l’atleta di Spilimbergo ha voluto cimentarsi con una nuova disciplina, partecipando alla giornata di reclutamento promossa da Obiettivo3 in occasione dei mondiali di Maniago ad agosto 2018. Lì è salita per la prima volta su un’handbike, si è innamorata del mezzo e del progetto, venendo subito reclutata da Obiettivo3. E iniziando a pedalare sempre più forte. Così, appena tre anni dopo, grazie ai consigli e all’aiuto costante di Alex Zanardi e Pierino Dainese, che l’ha tesserata con Anmil Sport Italia, Katia non solo ha conquistato il pass olimpico ma anche portato a casa una medaglia di bronzo.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche