02 febbraio 2017

Ibra "battezza" Ranocchia: benvenuto in Premier

print-icon

L'ex capitano nerazzurro, al debutto nel campionato inglese contro lo United, è stato subito protagonista di un rodeo a cui dovrà abituarsi. Tra acrobazie ravvicinate di Zlatan e cure mediche al 90', il difensore ha superato a pieni voti il test d'ingresso

"Why always me?". Per una volta il motto di Mario Balotelli calza a pennello per Ibra, che con la sua fama di giustiziere alla Chuck Norris ha invaso i social per il trattamento che avrebbe riservato a Ranocchia in occasione del battesimo in Premier dell'ex nerazzurro. In realtà il debutto del difensore con la maglia dell'Hull è stato sì "movimentato", ma non è stato Zlatan a metterlo ko, come le foto che circolano in rete vorrebbero far intendere.

Il nuovo difensore delle Tigers, che l'allenatore Silva ha schierato a Old Trafford facendolo esordire a poche ore dall'annuncio ufficiale, ha giocato poco meno di mezz'ora contro i Red Devils: sono stati minuti intensi dal punto di vista fisico. Alla fine, però, la battaglia l'ha vinta lui, contribuendo a mantenere inviolata la porta dell'Hull, portando a casa un preziosissimo pareggio con clean sheet (che in Inghilterra ha un valore speciale). Ma soprattutto dimostrando di sapersi calare nella parte del difensore di Premier League, accettando dalla prima partita lo spirito del campionato inglese. Calci volanti, tante botte, ma in fin dei conti regna il fair play. Perché questa è la Premier, little Frog.

PREMIER LEAGUE - I GOL

Tutti i siti Sky