Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 settembre 2013

Impresa Napoli, Higuain e Insigne stendono il Dortmund

print-icon
ins

Gonzalo Higuain e Lorenzo Insigne sono stati i grandi protagonisti del successo del Napoli sul Borussia Dortmund (Getty)

Al San Paolo, all'esordio nel gruppo F, gli uomini di Benitez si scoprono grandi anche in Champions: battuti 2-1 i vicecampioni d'Europa grazie a un colpo di testa dell'argentino e una punizione del fantasista

NAPOLI-BORUSSIA DORTMUND 2-1
29' Higuain (N), 67' Insigne (N), 87' aut. Zuniga (N)

Guarda la cronaca del match


Da Mazzarri a Benitez. Da Cavani e Lavezzi a Higuain e Insigne. Il Napoli si riscopre ancora più bello e ancora più competitivo anche in Europa. Dopo le tre vittorie in campionato, gli azzurri cominciano come meglio non avrebbero potuto il loro cammino nel gruppo F di Champions League. Dietro al 2-1 finale contro i vicecampioni d’Europa c’è molto più di una vittoria che sa d’impresa: la consapevolezza finale di essere diventata una squadra di alto profilo, anche a livello internazionale.

Uomini chiave – Higuain e Insigne oltre ad aver messo la firma sulla vittoria, hanno dimostrato fin dalle prime battute di poter essere due pedine importanti nello scacchiere preparato da Benitez per provare a fare male al Borussia. La squadra tedesca è arrivata al San Paolo con uno score di cinque successi in altrettante partite in Bundesliga: la migliore partenza della gestione Klopp. Eppure il Napoli ha da subito affrontato il Dortmund con il rispetto che si deve a una grande squadra, ma anche con il piglio di chi non vuole piegarsi al volere dell’avversario. La difesa ha tenuto benissimo, nonostante qualche sbavatura di Britos, con Reina sicurissimo nelle uscite e Albiol sempre attento a coprire sul temibilissimo Lewandowski e sul velocissimo Aubameyang. In mezzo al campo Behrami è stato il solito insostituibile uomo d’equilibrio, Callejon e Hamsik gli uomini pronti a sacrificarsi anche in fase di ripiegamento.

La svolta –
Nel primo tempo gli azzurri hanno sofferto, rischiato ma anche portato più di un grattacapo alla difesa dei tedeschi, soprattutto sulla fascia sinistra. Non c’è da meravigliarsi allora se il gol del vantaggio del Napoli sia arrivato da una bellissima combinazione Insigne-Zuniga che Higuain ha capitalizzato al massimo, bruciando Schmelzer, facendo impazzire il San Paolo. Da questo momento la partita cambia: Klopp si fa espellere e senza la sua guida in panchina il Dortmund perde prima Hummels per infortunio e la testa poco dopo restando in 10 per l’espulsione di Weidenfeller. E’ l’inizio della fine per i tedeschi. Il Napoli rientra dagli spogliatoi impostando il proprio gioco: fatto tutto di possesso palla e attacco degli spazi, proprio come piace a Benitez.

La festa del San Paolo - Il cioccolatino con cui Insigne non lascia scampo a Langerak è la ciliegina sulla torta che l’autogol di Zuniga non è riuscito a rovinare, anche perché Reina è strepitoso su Reus nel finale. Il capolavoro di Benitez è servito. Il San Paolo esplode di gioia, il Napoli è pronto a dire la sua anche in Europa.