Pioli dopo Liverpool-Milan: "Una sconfitta che ci farà crescere ancora"

champions

Lucida analisi dell'allenatore del Milan che ammette la superiorità del Liverpool ma che trova note positive anche nella prestazione dei suoi: "Peccato per i due gol subiti a inizio ripresa ma ora sappiamo qual è il livello della Champions, i dettagli fanno la differenza perché potevamo difendere meglio"

LIVERPOOL-MILAN: GUARDA GLI HIGHLIGHTS

Stefano Pioli prova a guardare il bicchiere mezzo pieno dopo la sconfitta del suo Milan a Liverpool nel giorno del ritorno in Champions League: "Il risultato è troppo importante e determinante - dice - Il Liverpool ha avuto qualità e intensità superiore nei primi 20-25 minuti. Il rimpianto sono i due gol subiti a inizio ripresa, ma questo è il livello. Per intensità e qualità una partita così ci farà crescere tanto. La squadra era motivata e in verità ci aspettavamo una partenza forte degli avversari. Con la palla siamo stati troppo statici. Poi l'ambiente, la partita, la qualità e l'intensità degli avversari ci ha messo in difficoltà". Sono arrivati anche i complimenti di Klopp: "Lui aveva un bel sorriso, ci ha detto che è stata una grande partita. Peccato per il risultato perché sarebbe stato importante iniziare con un punto".

"Potevamo fare meglio sui gol subiti"

approfondimento

Champions, i risultati del mercoledì

"Questa partita ci dice che la squadra può crescere ancora e il livello della Champions è veramente alto e dobbiamo sforzarci ancor di più nei particolari che son quelli che fanno la differenza. Gli errori di stasera saranno un'opportunità per farci crescere ancora - prosegue Pioli - Loro sono stati bravi nella pressione e nella copertura delle traiettorie centrali. Abbiamo faticato a palleggiare, ci è rimasta solo la giocata laterale. La cosa che dispiace è che oltre alla qualità innegabile del Liverpool, nelle tre azioni pericolose subite noi sappiamo far meglio, di solito siamo più attenti e potevamo difendere meglio. Palle lunghe? Non avevamo un centravanti dove potevamo scavalcare, per cui dovevamo palleggiare di più"