Milan, Giampaolo: "Siamo più avanti del previsto, soddisfatto per il lavoro della squadra"

ICC

L'allenatore rossonero vede il bicchiere mezzo pieno dopo la sconfitta contro il Benfica in International Champions Cup: "Ora il risultato non conta, la squadra mi è piaciuta. Siamo anche oltre le mie aspettative". Reina: "Prestazione di livello, stiamo assorbendo le idee del mister"

MILAN-BENFICA 0-1, GOL E HIGHLIGHTS

CALCIOMERCATO MILAN, LEAO E' VICINISSIMO

COME ERA ANDATO L'ESORDIO DEI ROSSONERI IN ICC

Seconda sconfitta in altrettante partite giocate nell'International Champions Cup per il Milan. Come successo contro il Bayern Monaco, anche contro il Benfica al Gillette Stadium di Foxborough i rossoneri cedono per 1-0: a indirizzare la partita verso i portoghesi, la rete realizzata a metà del secondo tempo dall’ex Taarabt e i legni colpiti da Calhanoglu (palo nel primo tempo) e Biglia (traversa nella ripresa). Marco Giampaolo è però soddisfatto della prova dei suoi: "La squadra fino a quando ne ha avuto mi è piaciuta - il commento dell'allenatore del Milan - ha giocato in avanti, ha tentato di recuperare la palla più lontano possibile dalla porta, ha provato a dominare il gioco. Ha fatto tutto quello che avevo chiesto ai ragazzi. Siamo anche oltre le mie aspettative, significa che ho buona qualità a disposizione. Questo rappresenta il primo tassello, che è un'idea, quindi sono contento. Il risultato ora non mi cambia nulla, vincere o perdere 1-0 adesso non è una sconfitta. Le prossime partite che giocheremo ci serviranno per migliorare la condizione, l'intesa e l'interpretazione della gara".

Giampaolo vede nella notte di Boston un passo in avanti rispetto al ko incassato dal Bayern: "Rispetto alla prima partita abbiamo fatto meglio, soprattutto quando c’era da riposizionarsi dopo aver perso la palla - è il suo pensiero - sappiamo che c’è tanto lavoro da fare, dobbiamo abituarci a vedere una squadra che ripiega se non riesce a recuperare la palla stando alta, invece di vedere una squadra arroccata dietro la linea della palla. Si tratta di un cambio deciso di mentalità, ma sono contento di come la squadra sta portando avanti il lavoro". Nessun dubbio anche sui giocatori più in palla: "Mi sono piaciuti Borini, Biglia e Calhanoglu, ma in generale mi è piaciuto il centrocampo".

Reina e Krunic: "Buona prova, siamo sulla buona strada"

Pepe Reina ha giocato il secondo tempo, prendendo il posto di Donnarumma, e le idee del portiere spagnolo sono chiare: "Stiamo crescendo, cerchiamo di assorbire i concetti del mister e proviamo a metterle in pratica in ogni partita - spiega a Milan TV - abbiamo fatto una prestazione di livello, peccato solo per il risultato, ma l'importante è come abbiamo giocato. Per ognuno di noi è importante mettere benzina nelle gambe in questo momento, prendere il ritmo per crescere, guadagnare fiducia e giocare come ci chiede di fare l'allenatore". Felicità per l'esordio, avvenuto subentrando al 64' a Calhanoglu, nelle parole di Rade Krunic: "Vestire questa maglia è un onore, ero un po' agitato ma adesso che son sceso in campo la testa è più libera, posso giocare più tranquillo e dare il mio contributo - assicura il centrocampista arrivato dall'Empoli - condizione fisica? Non sono ancora al meglio, ma mi sento abbastanza bene e non manca molto per vedermi al 100%. Nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni e dovevamo sfruttarle meglio. Siamo sulla buona strada e con il tempo miglioreremo".

I più letti di calcio