Bologna, che Dzemaili: bomber (quasi) per caso

Serie A
dzemaili_bologna_torino_getty

E' un combattente, ama la tranquillità e dieci anni fa stava per smettere: "Periodo difficile al Bolton, ma mi sono rialzato". Ora è il capocannoniere dei rossoblù di Donadoni: "Marcia da bomber!". Anche se "quello più forte" era suo fratello Bettim. Che storia Dzemaili. E il Torino porta bene...

Vedi Bologna e pensi: "Mattia Destro!". Oppure Krejci, Verdi e Di Francesco. Gente che segna. Poi dai uno sguardo al capocannoniere della squadra e resti un po' stupito: "Blerim Dzemaili". Ebbene sì, lo svizzero. Cinque gol in campionato, uno in Coppa Italia e l'ultima doppieta al Toro di Mihajlovic. Ergo, 6 reti. Evidentemente il granata porta bene, perché nel 2013 - con la maglia del Napoli - Blerim ne segnò addirittura tre. Altri tempi, bomber quasi per caso quindi. Il vizio è rimasto lo stesso di anni fa, quello del centrocampista con licenza di offendere. Fu Mazzarri a renderlo tale, con lui la sua miglior stagione a livello realizzativo: 9 reti nel 2012/13. "Ci ha portato in alto!". Tutto può cambiare, fino a quel giorno era considerato un "semplice" mediano. Qualità, sì. Ma non un giocatore in grado di "pungere". E invece no, una metamorfosi. Con un grazie a Mazzarri e a tutto il Napoli, perché ora il Bologna ne raccoglie i frutti.

Good Night ❤️💤 #luan #dzemaili #fatherandson #alwaystogether #love #family

Una foto pubblicata da Blerim Dzemaili (@b.dzemaili) in data:

Dieci anni fa rischiò di smettere - Oro di Donadoni, pronto a esaltarne le qualità: "Ha un ruolino di marcia da bomber". D'altronde l'ex Toro l'aveva detto: "Sono venuto per segnare e far segnare". Promessa mantenuta. E pensare che appena dieci anni fa, ai tempi del Bolton, rischiò addirittura di smettere. Tutta colpa di una serie di interventi al ginocchio, menisco e legamenti. Operazione in Colorado e quasi un anno fuori: "Pensa­vo di non poter più giocare ad alti livelli". Poche chance, inoltre: "Dopo essere guari­to, in Inghilterra non mi han­no mai dato occasioni per di­mostrare quello che sapevo fare. E' stato un anno molto difficile". Poi l'Italia, il Torino: "Non avevo dubbi, ho accettato subito". Gol? Zero. Arriveranno poi.

"Un onore giocare per la Svizzera!" - Allo Zurigo ogni tanto la buttava dentro: 14 reti in 4 anni, più due scudetti e una Coppa di Svizzera da protagonista. Pagato circa 8000mila euro, è stato "scoperto" da Massimo Rizzo: "Preciso, disciplinato, gentile, forse un po’ introverso. Vita privata e studi assolutamente normali". Figlio di emigranti, Dzemaili. Legatissimo alla sua Nazionale, con cui ha disputato gli ultimi Europei e il Mondiale brasiliano: "La Svizzera rappresenta l’occasione per restituire qualcosa a questo paese. Io non sono al 100% svizzero, però mi ha dato tanto. La possibilità di diventare un calciatore e di condurre una buona vita". Guai a metterlo in panca però: "Il giorno prima della partita in casa contro il Cipro, quando ho saputo che non avrei giocato, ero molto arrabbiato. Ho chiamato il mio agente e lui mi ha detto solamente: “Vuoi essere un perdente?” Questa frase mi ha stimolato". Mai mollare.

Going out! We belong together❤️#family #happiness @erjona.dzemaili #dzemaili

Una foto pubblicata da Blerim Dzemaili (@b.dzemaili) in data:

"Il vero campione? Mio fratello" - "Beli" ci sapeva fare fin da ragazzino, lo chiamavano così. A 17 anni era già titolare in prima squadra. Personalità e "legna" in mezzo al campo. Quello bravo, però, era suo fratello Bettim: "Il vero campione di casa era lui, mi batteva sempre. Poi si è rotto una gamba e ha dovuto smettere". Destino avverso. Non per Blerim però, merito del suo (bel) carattere: "E' qualcosa che ha a che fare con la mia storia privata. Ho subito un infortunio al legamento crociato prima dei Mondiali 2010, mi ha fatto perdere le sfide in Sudafrica. Dovevo alzarmi di nuovo e c’è stato bisogno di tanta forza di volontà. Sono sempre stato uno che vuole vincere. Non riesco  a perdere una partita neanche in allenamento". Fighter alla Rocky.

La moglie, l'hockey...i gol - I suoi segreti? Pochi: "Non amo la vita mondana, mi piace la tranquillità. In un ambiente familiare mi sento a casa". Segue l'Hockey su ghiaccio fin dallo Zurigo e ha conosciuto sua moglie Erjona fingendosi...un giornalista! "Eh sì, l'ha fatto per conquistarmi - ammette lei - voleva chiedermi il numero. Il primo messaggio mi ha colpito molto. Aveva scritto che mi trovava bella, che gli faceva piacere parlassi italiano e di ricordami che mi avrebbe sposato". Sfrontato, ma sicuro. Ora hanno un figlio e vivono "tranquilli". Come piace a Dzemaili, bomber (quasi) per caso col vizio della semplicità. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche