Sampdoria, campo e mercato: lavoro verso la Roma

Serie A
giampaolo_Sampdoria_getty

I blucerchiati guidati da Giampaolo hanno svolto la sessione di allenamento programmata mentre i dirigenti continuano a lavorare su più trattative. Domenica a Marassi arriva la Roma, Ferrero: "Quando giochi in casa il cinquanta per cento delle partite le vincono i tifosi"

Divisa tra campo e mercato, prosegue la settimana di lavoro della Sampdoria; anche oggi i blucerchiati si sono ritrovati a Bogliasco per l'allenamento programmato a porte aperte. Come riporta il sito ufficiale del club, Marco Giampaolo si è concentrato sugli aspetti tecnico-tattici in vista della prossima gara contro la Roma a Marassi. I calciatori pertanto sono stati impegnati in una serie di partitelle a cui hanno partecipato anche i Primavera Jacopo Cioce e Maxime Leverbe. Per quanto riguarda i giocatori alle prese con qualche problema fisico, Carlos Carbonero e Jacopo Sala non sono scesi sul campo principale per l’allenamento odierno ma hanno seguito i propri programmi di recupero agonistico. Anche Bartosz Bereszynski ha effettuato lavoro differenziato. Leggera indisposizione per Lucas Torreira. Per la giornata di domani in agenda una nuova seduta fissata a porte chiuse. Nel frattempo gli uomini mercato del presidente Ferrero hanno ufficializzato l'arrivo di Michal Tomic dal F.K. Senica a titolo definitivo e stanno anche portando avanti numerose trattative tra probabili cessioni e possibili nuovi arrivi.

Il presidente verso la Roma - Tra quelli che vivono con particolare attesa l'avvicinamento alla sfida con i giallorossi c'è anche il presidente Ferrero che sulle pagine del Corriere dello Sport ha parlato così della sfida e non solo: "La Roma questa volta viene a casa nostra, io penso che quando giochi in casa il cinquanta per cento delle partite le vincono i tifosi anche contro avversari più forti. Noi ce la giochiamo, non abbiamo nulla da perdere loro sì. Siamo arrabbiati ma anche soddisfatti perché abbiamo costretto la Roma a mettere tutti i titolari in Coppa Italia".

Sul futuro e sul mercato -
"Ho un progetto con il nostro allenatore Giampaolo - ha aggiunto il presidente - l’ho scelto perché lui è un professore di calcio: dicono che sia troppo integralista, ma a me va bene così, è un uomo intelligente e ha nel sangue la vittoria, come me. Vogliamo insegnare ai ragazzi a giocare a calcio e non a pallone. L’obiettivo è provare ad arrivare nella parte sinistra della classifica per quest’anno, perché nella prossima stagione dovranno avere paura di noi. Quest’anno ho solo acquistato e non venduto. E quando ho venduto per uno, ho speso due. Bisogna sempre capire chi siamo e dove vogliamo andare. Dobbiamo attrezzarci per arrivare all’obiettivo di fare calcio e non giocare a pallone e dare sempre maggior qualità alla nostra squadra. Cassano? Abbiamo fatto felice il ragazzo ed esaudito i suoi desideri. Non faceva più parte del progetto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche