Atalanta, in due a parte. Terapie per Melegoni

Serie A
melegoni_lapresse

Così come Dramé e Konko anche il giovane classe 1999 non ha preso parte alla sessione tecnico-tattica. Per domani è prevista una nuova sessione a porte chiuse. Cristante: "Mi sono inserito bene, puntiamo all’Europa. A Palermo parentesi non felice ma non ho il dente avvelenato"

Continua la preparazione dell’Atalanta, sotto gli occhi di Gian Piero Gasperini e del suo staff anche oggi i calciatori nerazzurri si sono ritrovati al centro sportivo Bortolotti di Zingonia per la sessione di lavoro programmata. Domenica alle ore 15 la formazione bergamasca è attesa dal match contro il Palermo, formazione non semplice da affrontare al Barbera e sempre alla ricerca di punti salvezza. Nella seduta odierna, l’allenatore ha guidato i suoi giocatori: riscaldamento, esercizi di tecnica, di tattica e partitella finale su campo ridotto per i calciatori; questo il programma dell’allenamento che non ha visto ancora Dramé e Konko con i compagni. I due calciatori infortunati hanno infatti proseguito con i rispettivi programmi personalizzati. Inoltre, Melegoni è stato sottoposto a terapia e lavoro in piscina in seguito a un problema al flessore. Il gruppo si ritroverà domani, venerdì, ancora al centro sportivo di Zingonia per una nuova sessione di lavoro a porte chiuse.

Le parole del centrocampista - Arrivato nel mercato di gennaio e già autore di buone prestazioni con la maglia nerazzurra, Bryan Cristante vuole - insieme ai suoi compagni - raggiugnere l’Europa; in occasione di un evento con i tifosi, il centrocampista classe 1995 ha parlato così al sito ufficiale del club bergamasco: "Il mio inserimento sta andando bene, mi ha facilitato il fatto di conoscere diversi compagni. La squadra che sta andando a meraviglia, voglio giocare più possibile e fare bene. Sicuramente arrivo in cerca di riscatto dopo Pescara, qua tutti girano a meraviglia e voglio trovare la continuità giusta. Ritrovo Petagna, mi piacerebbe rilanciarmi e valorizzarmi come ha fatto lui: ero convinto che si sarebbe sbloccato, gli servivano solo l’allenatore e il posto giusto".

Obiettivo Europa -
E ancora: "Io il nuovo Gagliardini? Speriamo, Roberto ha fatto una grande stagione e anche all’Inter sta andando bene. Questo paragone non dispiace. Ho già dato il mio contributo, il gol passa in secondo piano perché contava portare a casa la partita. Si sa che Bergamo è una piazza storica per i giovani, l’allenatore punta tanto su di noi. Si lavora molto sul campo e i risultati poi si vedono. Il tifo nerazzurro poi è uno dei più caldi e dà il suo contributo". Ora i rosanero: "Affrontiamo una formazione obbligata a vincere e in trasferta è sempre complicato. Noi vogliamo rimanere là davanti e poi giocarcela con le grandi. A Palermo, per me, non è stata una parentesi felice, ma non ho il dente avvelenato: l’obiettivo dell’Atalanta è l’Europa, abbiamo visto che ce la possiamo fare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche