Calcio, meno tifosi allo stadio. Ma non per la Tv

Serie A
stadio_getty

Secondo una ricerca dell'Università Cattolica e della Fondazione per la Sussidiarietà, i motivi sono la bassa qualità del gioco in campo, l'organizzazione della competizione, le istituzioni di controllo che non vigilano abbastanza e gli scandali come Calciopoli e Scommessopoli

Pochi spettatori allo stadio? La colpa non è della tv. Secondo una ricerca dell'Università Cattolica e della Fondazione per la Sussidiarietà, i motivi del calo sono la bassa qualità dello spettacolo in campo, dell'organizzazione e gli scandali come Calciopoli e Scommessopoli.

Secondo l'analisi, nel girone d'andata della Serie A gli spettatori per partita sono stati in media 21.457, per una copertura del 55% dei posti disponibili, ben il 4% in meno rispetto alla stagione 2010-2011. Cifre che fanno preoccupare se paragonate alla situazione prima di tutto di Inghilterra e Germania, ma secondariamente anche di Spagna e Francia, dove gli stadi vengono riempiti per il 90% dei posti.

Cala anche la pay tv - Il calo degli spettatori, secondo la ricerca, non è dovuto solo alla massiccia copertura mediatica del calcio. Questo perché, negli ultimi anni, è stato registrato un calo del 4% anche nell'audience del campionato italiano per quanto riguarda la pay tv. Restano i picchi d'ascolto in occasione dei match più importanti come Juventus-Inter, vista su Sky e Mediaset da oltre 3 milioni e 700.000 persone, pari al 13,53% di share.

La qualità dello spettacolo è bassa - La ricerca ha indagato i motivi della disaffezione verso il calcio, formulando tre ipotesi. La prima è quella estetica, dovuta al deterioramento della qualità dello spettacolo fornito in campo e alla mancanza di servizi adeguati negli stadi che per il 44% sono stati costruiti prima del 1949.

L'organizzazione e le istituzioni di controllo - La seconda è di natura "organizzativa": le società calcistiche italiane non si sono dimostrate all'altezza dell'organizzazione dello spettacolo e le istituzioni di controllo non avrebbero saputo garantire una efficace vigilanza sul sistema calcio. In Italia l'anomalia, rispetto al resto d'Europa, è rappresentata dal fatto che i ricavi dipendano per il 60% dai diritti televisivi e media. Una circostanza che si è rivelata fattore di rischio per la tenuta del sistema stesso. Aumentano i fatturati, ma anche i casi di società professionistiche che non vengono iscritte o subiscono penalizzazioni per mancato rispetto delle norme sul fair play economico (56 punti di penalità nel 2014/15 rispetto ai 28 del 2013/14 e ai 24 del 2012/13).

Calciopoli e Scommessopoli - La terza e ultima ipotesi, avanzata dalla ricerca, è quella "etica": i ripetuti scandali, come ad esempio Calciopoli e Scommessopoli, hanno prodotto una crisi di credibilità del sistema e una perdita di fiducia del pubblico.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche