Chievo, Maran: "Vogliamo continuare a stupire"

Serie A
18_maran_getty

Ambizione, voglia di non fermarsi mai. Ora il Napoli per continuare la corsa, queste le parole dell'allenatore giallobù: "E' bello stupire, fare cose che nessuno pensa possiamo fare, devo solo trasferire queste motivazioni". Sugli azzurri: "Hanno più imprevedibilità lì davanti coi tre tenori"

Dopo il 3-1 del Mapei Stadium, il Chievo vuole "continuare a stupire". E' questo l'obiettivo di Maran e dei gialloblù, ormai praticamente salvi. Prossima sfida? Contro il Napoli dei tre tenori lì davanti, reduce dalla sconfitta contro il Real. Queste le parole di Maran in conferenza stampa: "Dobbiamo essere sempre animati dalla passione e dal fuoco per questo sport. Sono le leve che ci danno le motivazioni per continuare a fare bene e provare a migliorarci. Non devono mai mancare, perché altrimenti hai già cominciato la discesa". Sul Napoli: "C'è più imprevedibilità, al di là del tasso tecnico e realizzativo di Higuain. Ora hanno ancora più soluzioni. Variano soluzioni in corsa e possono mettere in difficoltà tutti". Per Pellissier il Napoli gioca il miglior calcio: "L'espressione di gioco del Napoli è la migliore, è un piacere vederlo, ha giocatori che si adattano bene a quell'idea di calcio. Dovremo occupare bene gli spazi, nel palleggio ti fa girare, non ti dà occasioni in pressione, dovremo essere corti e compatti, vicini al portatore. Se pressiamo con distanze lunghe, escono dalla pressione".

Sui giovani e gli stimoli - "Vengono fuori da soli soprattutto quando devi affrontare un avversario molto forte. Per gli altri appare come una sfida impossibile, per cui riuscire a stupire pur essendo sfavoriti sarebbe bello e soddisfacente". Tanti ragazzi aggregati alla prima squadra: "Stanno lavorando con noi da un po’ e stanno migliorando tanto. Sta a loro poi far vedere che meritano più possibilità e sarò ben felice di schierarli, stando bene attento però a non bruciarli troppo presto. All’inizio dell’anno, per una società come il Chievo, l’obiettivo primario è quello di mantenere la categoria". Prosegue Maran: "Proprio per ottenere questo traguardo è necessario riuscire a calibrare bene gli innesti da fare".

Sul futuro e Inglese - Continua Maran: "Ogni allenatore vorrebbe migliorare il proprio organico per migliorare i risultati sul campo, è chiaro. In questo momento però non ci dobbiamo preoccupare di questo. Mancano ancora tante partite alla fine del Campionato. Ogni cosa a suo tempo". Pensiero su Inglese, reduce dalla tripletta: "Ha sofferto molto ad inizio stagione nel non essere stato molto continuo in fase realizzativa. Adesso ha ritrovato la serenità giusta. E’ un ragazzo che lavora tutti i giorni in maniera esemplare ed il suo impegno l’ha portato a migliorarsi anche nelle numero delle marcature. Ha preso coscienza dei propri mezzi e sa che le sue caratteristiche possono portarlo a fare molto bene in Serie A".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche