Napoli ko, l'Atalanta riapre la corsa Champions

Serie A
Una doppietta di Mattia Caldara stende il Napoli: l'Atalanta ora sogna (Getty)

Una doppietta di Caldara stende la squadra di Sarri al San Paolo e interrompe la lunga striscia vincente degli avversari (10 vittorie e quattro pareggi). Gasperini ora è terzo, a meno 3 dal terzo posto, con 3 punti di vantaggio, per ora, sull'Inter

NAPOLI-ATALANTA 0-2

28' e 70' Caldara 

Cronaca e tabellino del match

Riaperta la corsa Champions. Una doppietta di Mattia Caldara (la prima da professionista) stende il Napoli al San Paolo e fa sognare l’Atalanta. La squadra di Gasperini torna a Bergamo con tre punti d’oro e ora può pensare davvero in grande: Hamsik e compagni, terzi in classifica, sono a -3. E domenica prossima c’è la supersfida Roma-Napoli… Dopo il gol di testa nel primo tempo, nonostante un finale in 10: espulso Kessié al 67’ per un doppio giallo in tre minuti, i nerazzurri hanno raddoppiato ancora col difensore ormai di proprietà della Juve. E hanno tenuto bene, rischiando solo su Callejon al 76’ e su Mertens. La classifica sorride per davvero a Giampiero Gasperini: l’Atalanta è a 51 punti, la miglior stagione di sempre in A. E in dodici gare, ora, ci sarà il grande sogno della qualificazione ai preliminari di Europa League.

Numeri pazzeschi per Atalanta e Caldara - Con la vittoria al San Paolo, la squadra di Gasperini raccoglie il 16° punto sugli ultimi 18 disponibili. Una media incredibile. Per Mattia Caldara, invece, i gol in campionato arrivano a cinque: Con Giorgio Chiellini è il secondo difensore a segnare una doppietta in questa stagione. Il primo però a farla in trasferta.

 

Le scelte - In apertura Sarri lascia in panchina Pavoletti e schiera il solito 4-3-3, con il solito attacco. Davanti c’è ancora Mertens falso nueve, con Insigne e Callejon sulle fasce. In difesa accanto ad Albiol c’è Maksimovic. A centrocampo con Hamsik ci sono Diawara e Zielinski. Gasperini conferma il suo 3-4-1-2 con Kurtic a supporto della coppia affiatatissima tra il Papu Gomez e Petagna.

Sognare è possibile - Dopo un primo tempo sfortunato: due legni colpiti da Insigne al 6’ e da Mertens dopo la deviazione di Berisha al 45’ (mai due pali in Serie A degli azzurri in questa stagione), il Napoli ha sofferto nella ripresa le ripartenze dei nerazzurri. Almeno fino al 67’: quando Kessié si è beccato il doppio giallo in tre minuti, l’Atalanta ha legittimato il vantaggio. Meglio a centrocampo e con un buon Petagna pronto a far salire i suoi compagni, Gomez e compagni hanno costruito due buone occasioni da rete. E Reina ha detto no a Petagna al 46’ e al solito Conti al 53’. Sarri ha deciso di dare spazio nella ripresa anche a Mililk (dal 60’ in campo per uno spento Hamsik), e di provare il tutto per tutto nel finale con un doppio centravanti: dentro Maggio per Hysaj e Pavoletti per Insigne. L’occasionissima è di Callejon al 76’, di testa su cross di Ghoulam. Due conclusioni di Mertens non vanno a buon fine. L’Atalanta si chiude bene e strappa tre punti d’oro. Sognare in grande ora è davvero possibile.

Leooooooniiiiiii 🔵⚫ @mattiacaldara monumentale

Un post condiviso da ANDREA PETAGNA (@andreapetagna) in data:

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport