Juve, Allegri: "Bonucci ha dato uno scossone"

Serie A

L'allenatore bianconero si gode il successo sull'Empoli, e chiude il caso legato al difensore: "Cose che capitano". Poi su Mattia Caldara (sarà bianconero dal 2018), che con la sua Atalanta ha fermato l'Empoli: "E' fortissimo" 

La Juventus passa contro l’Empoli: 2-0 ai toscani e +10 momentaneo sulla Roma. Dopo il passo falso del Napoli i bianconeri non falliscono: ”Non era semplice - ha detto Allegri dopo la partita - Venivamo da un periodo importante, mercoledì abbiamo disputato una partita dispendiosa. I ragazzi sono stati bravi a non farsi attrarre dal palleggio dell'Empoli, sono fastidiosi e bravi ad allungarti. Potevamo andare avanti nel primo tempo, abbiamo aumentato i giri rischiando poco e niente”. Il gol preso a Palermo pesa ancora: “Potevamo essere a 6 partite senza subire gol e sarebbe stato bello”. Sul turnover: "Mandzukic ci da forza fisica e tecnica. E' importante sulle palle inattive. Higuain è in condizione, Paulo doveva rifiatare per martedì. Ho messo energia fresca con Sturaro. Con Dybala, poi, è entrato bene e abbiamo palleggiato e fatto buone cose”. 

Dopo la Champions - La lite con Bonucci e la vittoria per 2-0 a Oporto hanno caratterizzato la settimana di Allegri: “In questa settimana bisognava preparare bene la gara con il Porto. Con Leo è stata una discussione, cose che capitano. Meglio capitasse nello spogliatoio, il problema andava risolto cogliendo gli aspetti positivi. Poi tutto viene di conseguenza”. Tempesta finita, dunque: “È difficile con un gruppo straordinario e responsabile che queste situazioni portino a qualcosa di negativo. Bonucci ha dato uno scossone. Certe cose un allenatore deve farle passare, altre prenderle di petto. Ci vuole lucidità nelle scelte giuste, contano i tre punti. Poi bisogna dare stimoli diversi, ma con freddezza, perchè se ti fai trasportare dai sentimenti sbagli".


Caldara ferma il Napoli - Il sesto, di centrale, potrebbe arrivare presto. È Mattia Caldara, che con una doppietta ha steso il Napoli e ha fatto un favore alla ‘sua’ Juventus. Giocherà in bianconero dal 2018, ma chissà possa arrivare prima: “È fortissimo - ha ammesso Allegri - in mano a Gasperini poi migliora. Quando arriverà alla Juventus poi vedremo”. E il Napoli scivola a -12: “Ma può ancora arrivare a 90 - ha detto Allegri  Servono ancora punti, martedì sarà dura. Ci saranno cambi, ma la squadra non perderà colpi”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche