Lazio, è un super Milinkovic. E la Juve osserva...

Serie A
Sergej Milinkovic Savic, centrocampista della Lazio nel mirino della Juve (Getty)
milinkovic_lazio_roma_getty

Da piccolo "si nascondeva dietro agli alberi per correre di meno". Ora è il talismano della Lazio. Insostituibile. E lo vuole anche la Juventus: qualità, duttilità tattica, gol e assist. Papà calciatore, mamma giocatrice di basket, doppio cognome. Così Sergej ha conquistato Simone Inzaghi

Chissà dove ha imparato a saltare così in alto. Anzi, dietrofront. Piuttosto "come". Perché il "dove" è abbastanza chiaro: Lleida, Catalogna. E il "come" lo scopriamo subito: papà calciatore, mamma giocatrice di basket. Lui, Sergej, indeciso tra due sport: palla a spicchi o palla di cuoio? "In tutte le attività era testa di serie numero uno" dicono i suoi ex allenatori. Più in alto di tutti, volando a canestro. Ma alla fine "sceglie il calcio perché è molto più bravo...". E oggi, da centrocampista moderno, nelle sue corde ritrova lo stacco. Imperioso e travolgente. Visto il gol di testa con l'Atalanta un mese fa? Roba che per arrivare fin lassù devi prendere una scala. Poi: vista la partita nel derby di Tim contro la Roma? Da voto alto in pagella. Inserimenti, colpi di tacco, un gol nella vittoria per 2-0: "La cosa più bella della mia vita".

Milinkocrazia. E ora lo vuole la Juve... - Calciatore unico, Milinkovic-Savic. Stagione ad alti livelli e maturazione raggiunta: "Giocatore completo". Parola di Inzaghi, di una società pronta a blindarlo. Contratto fino al 2020 e rumors del mercato sempre vigili, con uno sguardo alla Juventus capolista, un club che a giugno lo prenderebbe volentieri. Tutto smentito però, sia dal serbo che dal suo entourage, con Mateja Kezman in prima linea: "Sono tutte speculazioni, vuole la Champions con la Lazio". Obiettivo primario, anche se la Juve resta un bello scoglio. Paratici l'ha puntato, il profilo è di quelli giusti per i bianconeri: giovane, ambizioso, imprescinbile. Nessuna paura per Savic, l'uomo dal doppio cognome: "In Spagna funziona così". Una legge. E da quest'anno è lui a dettarla: chiamasi Milinkocrazia. Ergo: il governo di Milinkovic. Nel senso che in mezzo comanda il serbo. Semplice ed efficace, that's Savic.

6️⃣gol 3️⃣punti Grande gruppo!! Bravo BOMBER #marcoparolo16 ⚽️#forzalazio⚪️🔵

Un post condiviso da Sergej Milinkovic Savic (@sergej___21) in data:

Romanzo di mercato - Classe '95, arrivato alla Lazio nel 2015 dopo una trattativa thrilling con la Fiorentina. Talmente surreale che Agatha Christie ci avrebbe costruito un bel romanzo con tanto di titolo: "Le porte di Firenze". Non più di Damasco, perché Savic entra nella sede viola e inizia a piangere. Misteri. Forse perché si era già accordato con la Lazio, forse per le pressioni della fidanzata Andreja. Un giallo di mercato che non sapremo mai. Da Firenze a Roma, con volo Alitalia: 5 anni di contratto e 10 milioni al Genk. Affare fatto. E libro chiuso. Resta il commento di Pradè: "Un ragazzino di 20 anni non sposta gli equilibri di una squadra".

Numeri impressionanti - Titolare fisso con Inzaghi: 27 presenze, 6 reti e 5 assist. Protagonista assoluto, numeri e record parlano per lui: contro l'Atalanta ha percorso 13.128km vincendo 12 duelli aerei, stabilendo così il primato della Lazio degli ultimi tre anni. E ancora, un talismano. Perché ogni volta che ha segnato la squadra ha sempre vinto, idem per il discorso assist. Quando gioca bene arrivano i 3 punti. Altro passo rispetto all'anno scorso. Insostituibile ora, tant'è che gioca in vari ruoli: mezz'ala, trequartista, esterno. Un giocatore duttile, per certi versi anche unico. Un breve recap: alto, ma tecnico. Nello stretto se la gioca da campione e spesso dribbla. Imposta e difende, roccioso. Nei piazzati fa la torre e segna pure, come accaduto varie volte. Imprescindibile. Ecco sì, forse la parola giusta per descrivere Milinkovic-Savic, uno che da piccolo "si nascondeva dietro agli alberi per correre di meno". Che "aveva poca personalità". Miglioramenti tangibili. Col tempo, con gli anni, con Pioli prima e Inzaghi poi. Con l'oro al Mondiale U20. Con una Milinkocrazia tutta sua che intriga anche la Juve.

Bravo siso @f_andersoon 🙈🙊🙈🙊😂😂😂⚽️❤

Un post condiviso da Sergej Milinkovic Savic (@sergej___21) in data:

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport