Berlusconi: "Rinunciare al Milan è doloroso"

Serie A
Silvio Berlusconi, presidente del Milan che sta per lasciare il club nelle mani del gruppo SES (La Presse)
berlusconi_lapresse

A pochi giorni dalla richiesta di una nuova proroga da parte di SES, il presidente rossonero parla del closing per la cessione del Milan nel corso di un’intervista a 'Il Tempo': "Nuovo rinvio non è preoccupante, i cinesi sono seri. Voglio garantire un futuro al club; tifosi, state tranquilli"

Un altro rinvio circondato da incertezza e perplessità, ancora una volta il closing per la cessone del Milan è slittato. Quella che è ormai diventata una vera e propria telenovela, con tutti i colpi di scena del caso, non è ancora arrivata al suo capitolo finale e non è del tutto chiaro quando quest’ultima pagina verrà scritta. Ma Silvio Berlusconi garantisce che la cessione della società si farà perché i cinesi di SES "hanno intenzioni serie". A confermarlo (e a ribadirlo) è lo stesso presidente uscente della società rossonera, che in una lunga intervista esclusiva a Il Tempo ha parlato di politica ma anche della squadra che - negli ultimi anni - lo ha visto molto coinvolto anche emotivamente: il suo Milan.  

Nuovo rinvio? "Nulla di preoccupante" -
"Non direi che i cinesi si stanno allontanando, ci hanno chiesto un’ulteriore breve proroga e in questo non vedo nulla di preoccupante - ha dichiarato Berlusconi a pochi giorni dal nuovo rinvio - stiamo parlando di un’operazione finanziaria non solo di dimensioni significative, ma anche complessa alla luce delle leggi cinesi. D’altronde gli investitori hanno versato caparre considerevoli a riprova della serietà delle loro intenzioni. Questo è importante non solo per il gruppo Fininvest ma soprattutto per i tifosi del Milan". Perché quello che importa di più al presidente rossonero è un futuro solido e felice per la società rossonera: "Ho sempre detto che avrei consegnato il club solo a chi avesse potuto garantire la possibilità e la volontà di investire per fare di nuovo grande il Milan", ha continuato.

"Fare grande il Milan un atto d'amore" - "Per me rinunciare al club è obiettivamente doloroso: acquistarlo, farlo crescere, condurlo ai trionfi nel mondo non è stato un investimento, è stato un atto d’amore. I tifosi stiano tranquilli, se venissero meno le condizioni indicate, tornerei indietro senza esitazione. Ma oggettivamente non vedo motivi per i quali questo dovrebbe succedere". Nessuna (altra) sorpresa, dunque. La cessione ci sarà, l’era Berlusconi in casa Milan sta per finire e presto la cordata guidata da Yonghong Li prenderà il controllo della società rossonera. A dirlo con fermezza e certezza è lo stesso Berlusconi, che come tutto l’ambiente - dai tifosi alla squadra - attende di capire quale sarà il futuro societario. Quel che è però certo, stando alle parole del Cavaliere, è che il closing si farà presto.

Il comunicato di SES - Le parole di Berlusconi a "Il Tempo" seguono il comunicato di Sino Europe Sport: "Nel manifestare il disappunto per i ritardi nella finalizzazione del closing, dovuti a cause al di fuori del suo controllo, SES conferma di essere fortemente impegnata a continuare a lavorare con Fininvest per raggiungere il closing il prima possibile e che un dettagliato piano di investimenti è già pronto", questa la nota ufficiale diramata dal gruppo cinese.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport