Atalanta, Caldara: "Non penso alla Juve"

Serie A
Mattia Caldara, difensore dell'Atalanta (Getty)
04_caldara_getty

Il difensore nerazzurro, che con i compagni prepara la sfida di domenica contro il Genoa ("Una squadra che sarà motivata a fare bene"), ha parlato anche del suo momento: "Fare bene a Bergamo per crescere ancora e meritarmi la convocazione all'Europeo Under 21"

Allenamento in mattinata per l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, che insieme ai suoi calciatori e al suo staff continua a preparare il ritorno in campo di domenica prossima. Dopo la sosta i nerazzurri si preparano ad affrontare il Genoa a Marassi, con fischio d’inizio alle ore 15. Un’altra occasione per confermare le buone cose mostrate anche nell’ultima sfida contro il Pescara. Intanto, al centro Bortolotti di Zingonia, Gomez e compagni hanno svolto una seduta il cui programma prevedeva esercizi di tecnica, di tattica e una partitella finale su campo ridotto. Sono rientrati a Bergamo anche Berisha, Melegoni e Zukanovic - ultimi nazionali a concludere i loro impegni con le rispettive nazionali e pertanto ultimi ad aggregarsi al gruppo. Ha proseguito con il programma di recupero personalizzato Dramé, ancora costretto a portare avanti un lavoro individuale visti i suoi problemi fisici. Per la giornata di domani, sempre a Zingonia, e previsto un allenamento a porte chiuse.

A margine del classico evento settimanale organizzato dal club con i tifosi nerazzurri, Mattia Caldara ha parlato del suo presente e ha anche confessato di non penare ancora a quello che potrà essere il suo futuro a Torino: "Non penso alla Juventus, devo rimanere qui e lavorare per crescere ancora. All’Atalanta abbiamo tutti un obiettivo e Gasperini ci ha inculcato da tempo la voglia di non accontentarci mai; io, come molti miei compagni devo anche meritarmi la convocazione all'Europeo Under 21". E proprio il difensore non ha potuto rispondere alla convocazione della squadra di Di Biagio per qualche problema fisico.

"Spinazzola e Petagna hanno esordito con la Nazionale maggiore? Ci sono arrivati grazie al lavoro ed ai sacrifici, è il coronamento dei sogni di tutti i bambini che giocano a calcio", ha aggiunto. "Per quanto riguarda il mio erede a Bergamo, posso dire che Bastoni è già più forte di me alla sua età. Io a 18 anni non ero sicuro che avrei fatto il calciatore, invece lui è completo e meglio di me quasi in tutto. Domenica affrontiamo il Genoa e ritroviamo Pinilla contro di noi. Sarà una strana sensazione per me e per i compagni, è difficile anticipare le sue rovesciate che sfidano le leggi della gravità. Nel complesso, quella rossoblù è una squadra che ha cambiato allenatore da poco e sarà motivata a fare bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport