Atalanta, Spinazzola: "L'Europa non è così vicina"

Serie A
Leonardo Spinazzola, esterno dell'Atalanta durante l'incontro con i tifosi allo store (foto @Atalanta_BC)
spinazzola_twitteratalanta

Seduta pomeridiana con Dramé in gruppo e Bastoni a parte per un fastidio alla coscia. L’esterno: "Lottiamo con grandi squadre come Inter e Milan e pensiamo a dare il massimo giornata dopo giornata. Il gruppo non ha mai avuto sbalzi d'umore, Gasperini un maestro; lo ringrazierò a vita"

Nel pomeriggio l’Atalanta ha continuato i suoi allenamenti per avvicinarsi nel modo migliore al prossimo impegno, quello di sabato pomeriggio contro il Sassuolo. I nerazzurri vogliono prolungare il loro ottimo momento e inseguono così un’altra vittoria allo stadio Atleti Azzurri d’Italia. Quest’oggi, intanto, l’allenatore e il suo staff hanno diretto una nuova seduta d'allenamento al centro Bortolotti di Zingonia composta da esercizi di tecnica, tattica e partitella su campo ridotto. Dramé e Spinazzola hanno preso regolarmente parte alla seduta, mentre Bastoni ha svolto un lavoro differenziato a causa di un fastidio alla coscia sinistra. Per la giornata di domani, sempre a Zingonia, è in agenda un allenamento a porte chiuse.

"L'Europa non è così vicina" - Dopo la seduta con i compagni, Leonardo Spinazzola ha poi preso parte a un evento organizzato dal club all’Atalanta Store con i tifosi. Un’occasione - per il laterale nerazzurro - per parlare anche del suo momento e delle aspettative di tutto il gruppo: "Gasperini è un maestro per me - ha detto - lo ringrazierò a vita. Il nostro momento più che positivo mi consente di far emergere con naturalezza le mie qualità ma non dimentico nemmeno il lavoro fatto con Pierpaolo Bisoli, che a Perugia la scorsa stagione ha lavorato molto sulla mia crescita anche a livello mentale. E a Bergamo, infatti, sono venuto con un’altra testa". Verso il Sassuolo: "Sabato affrontiamo una buonissima squadra, simile a noi per certi aspetti: hanno giocatori giovani e bravi tecnicamente. Ma dobbiamo pensare solo a noi stessi perché se daremo tutto, la vittoria non ci sfuggirà. Gli avversari non hanno nessun obiettivo da raggiungere, ma non è per forza un vantaggio. Ripeto, tutto dipende da noi e le motivazioni che abbiamo sono importanti. L’Europa non è così vicina: lottiamo con grandi squadre come Inter e Milan e pensiamo a dare il massimo giornata dopo giornata".

Sulla stagione e sul futuro -
"La testa dei calciatori del nostro gruppo non è cambiata né dopo la sconfitta con l’Inter né dopo la vittoria di Genova, mai avuti sbalzi di umore. A San Siro non potevamo essere noi, è stata una giornata no mentre contro i rossoblù hanno influito gli episodi: senza il rosso a Pinilla sarebbe stata un’altra partita. Contro il Genoa la partita dell’anno? No, la trasferta di Napoli è indimenticabile. Personalmente è ormai da un girone che gioco bene e con continuità, ma posso e devo crescere ancora tanto, perché ho diverse lacune da colmare. A inizio anno non mi aspettavo di raggiungere la Nazionale, è un punto di partenza. E’ più difficile confermarsi, senza dubbio. Ora penso solo all’Atalanta, a cui sono legato da un altro anno di contratto; nella mia testa non c’è la Juve. Da inizio anno lavoriamo al massimo per raggiungere l’obiettivo, adesso siamo entrati nella fase calda e non ci vogliamo tirare indietro. Zero gol? Non importa, vogliamo l’Europa, con o senza gol di Spinazzola".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport