Promossi e retrocessi: che fatica stare tra i big

Serie A

Gianluca Maggiacomo

Il Pescara di Zdenek Zeman potrebbe esser la prima squadra a retrocedere in Serie B. Gli abruzzesi sono neo-promossi in A (Getty)
pescara

Spesso in Italia assistiamo a squadre che tornano in B dopo appena un anno di A. E in Europa cosa succede? Abbiamo confrontato la situazione di fondo classifica del nostro campionato negli ultimi cinque anni con ciò che accade in Spagna, Germania, Inghilterra e Francia. Ecco i risultati

Sabato il Pescara potrebbe essere la prima squadra a retrocedere in Serie B. Dovesse accadere (gioca alle 15 contro l’Empoli al Castellani e Zdenek Zeman deve evitare la sconfitta), gli abruzzesi tornerebbero tra i cadetti dopo appena una stagione di A. Porte girevoli: si sale e si scende. Su e poi subito giù. Tutto in un anno. Dalla festa promozione ai musi lunghi per la mancata salvezza. Una situazione che, in questo momento, sta vivendo anche a Crotone. I calabresi lo scorso anno hanno vinto il campionato di B al termine di una gran cavalcata. Ma adesso, malgrado gli sforzi delle ultime settimane, sono sempre invischiati nella lotta per evitare di retrocedere. In Italia siamo ormai abituati a vedere squadre che lasciano i cadetti e poi subito ci ritornano. Uniche eccezioni di questi anni, il Chievo e il Sassuolo. Ma questo sali e scendi, a ben guardare, non è una prerogativa solo italiana. Anche negli altri grandi campionati europei vediamo spesso neo-promosse che fanno immediatamente ritorno nelle serie inferiori. Abbiamo messo insieme la situazione della Serie A negli ultimi cinque anni con ciò che è accaduto nello stesso lasso di tempo in Spagna, Germania, Inghilterra e Francia. Ci sono situazioni simili alla nostra e altre, invece, di segno leggermente diverso. Ecco cosa ne è venuto fuori.

Serie A

Oggi sono Pescara e Crotone, rispettivamente con 13 e 17 punti, a rischiare seriamente la B da neo-promosse. L’anno scorso è stata la volta delle cenerentole Carpi e Frosinone:  su e subito giù. Per il secondo anno di fila, nella stagione in corso potremmo avere due neo-promosse su tre tra le retrocesse. Mentre nelle tre stagioniprecedenti solo una del terzetto è subito tornata in B. Nel 2014-15 è stata la volta del Cesena. Arrivati in A con Palermo ed Empoli, ai bianconeri non sono bastati i 24 punti finali per salvarsi. Stessa cosa nella stagione precedente con il Livorno: in A e subito di nuovo in B come ultimo in classifica (25 punti). Sorte capitata anche al Pescara nel 2012-13: fanalino di coda con 22 punti e retrocessione con ampio anticipo dopo aver fatto faville nel precedente torneo di B, quando la squadra era guidata da Zeman. E c’era sempre una neo-promossa nel terzetto di retrocesse al termine della stagione 2011-12: si trattava del Novara (penultima con 32 punti), alla sua prima esperienza in A.

Liga

In Spagna quest'anno le neo-promosse sono Alavés, Leganés e Osasuna. Di queste, solo la squadra navarra, che ha appena la miseria di 14 punti ed è ultima, sembra spacciata. Le altre due stanno molto meglio. Lo scorso anno, invece, le squadre arrivate dalla Segunda División erano Betis, Sporting Gijón e Las Palmas e tutte e tre sono riuscite a salvarsi, lasciando la retrocessione a Rayo Vallecano (38 punti), Getafe (36) e Levante (32). Nel 2014-15, solo il Cordoba, tra le tre arrivate dai cadetti, è subito riscesa. Salve Eibar e Deportivo La Coruna. Zero retrocessioni tra le neo-promosse nel 2013-14. Una, il Deportivo La Coruña (35 punti), nel 2012-13 e nessuna nella stagione precedente.

Bundesliga

Altro che cenerentola. Altro che timori da serie maggiore. In Germania, dove le promozioni dirette sono due e la terzultima in Bundesliga fa lo spareggio con la terza classificata nella serie inferiore, a metter paura alla corazzata Bayern Monaco di Carlo Ancelotti è stato, fino a qualche settimana fa, il neo-promosso Lipsia. Ora la squadra guidata da Ralph Hasenhüttl è seconda (55 punti) e sogna un posto in Champions: mica male per una società che lo scorso anno militava tra i cadetti. Sta facendo bene anche il Friburgo, l’altra squadra arrivata dalla Zweite Bundesliga, che naviga tranquillo in ottava posizione con i suoi 35 punti. Quest’anno, quindi, la lotta per non retrocedere è un affare che non tocca le neo-promosse, ma Augusta (29 punti), Ingolstadt (25) e Darmstadt (15), con queste ultime due arrivate tra i grandi la scorsa stagione. Nel 2014-15 solo il Paderborn è salito in Bundesliga e subito sceso tra i cadetti. Come successo all’Eintracht Braunschweig l’anno precedente. Due squadre, invece, hanno fatto su e subito giù nel campionato 2012-13: si tratta del Greuther Fürth e del Fortuna Düsseldorf . Stessa sorte toccata l’anno prima all’Hertha Berlino, salita e immediatamente scesa in Zweite Bundesliga.

Premier League

In Inghilterra come in Italia. Almeno per ciò che concerne la lotta per salvarsi. Oltre Manica a tentare di evitare la retrocessione sono l’Hull City di Andrea Ranocchia (28 punti), Middlesbrough (23) e Sunderland (20): le prime due sono neo-promosse. E negli anni precedenti? Nel 2015-16 solo il Norwich (penultima con 34 punti) tra le tre squadre arrivate dalla Championship è subito scesa. Come fatto da Burnley (penultimo con 33 punti) e QPR (30) l’anno prima. Nel 2013-14, invece, solo il Cardiff, tra le tre neo-promosse, non è riuscito a salvarsi, chiudendo ultimo con 30 punti. Stessa sorte toccata al Reading nella stagione 2012-13: penultimo con 28 punti. In Inghilterra negli ultimi cinque anni l’unica stagione in cui almeno una neo-promossa non è subito tornata in Championship è stata quella del 2011-12, quando QPR, Norwich e Swansea riuscirono a salvarsi.

Ligue 1

In Francia quest’anno, tra le tre neo promosse, solo il Nancy rischia di scendere subito in Ligue 2: i biancorossi sono terzultimi con 28 punti a pari merito con il Lorient e davanti al fanalino di coda Bastia (20). Nel 2015-16 sono state due le squadre che sono passate per la Ligue 1 e poi subito tornate tra i cadetti: sono il Gazelec Ajaccio (penultimo con 37 punti) e il Troyes (18). Situazione simile alla stagione precedente, quando tra le tre che hanno salutato la massima serie francese c’erano le neo-promosse Metz (30 punti, penultima) e Lens (29). Stagione “anomala” quella 2013-14, con nessuna delle neo-promosse tra le retrocesse. Ma c’è una spiegazione: tra le tre c’erano le blasonate Monaco e Nantes, a cui si era aggiunto il Guingamp. Nel 2012-13, invece, solo il Troyes (penultimo con 37 punti), non è riuscito a salvarsi dopo le fatiche dell’anno prima per conquistare la Ligue 1. Come successo nel 2011-12 al neo-promosso Digione (penultimo con 36 punti), che subito è tornato in Ligue 2.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport