Fiorentina, Sousa: "Credo nella nostra voglia di vincere sempre"

Serie A
Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina (fonte Getty)
sousa_getty

L'allenatore della Fiorentina alla vigilia della gara con la Lazio: "Partita più difficile rispetto alle altre, temo la loro convinzione e le ripartenze. I tifosi? Non hanno bisogno di appelli, vivono sempre la squadra. Senza Badelj e Gonzalo abbiamo sempre avuto problemi"

Ultime chance per l’Europa, Fiorentina a -3 dal sesto posto con ancora tre partite da giocare alla fine del campionato. Domani, al Franchi, la sfida contro la Lazio, che invece nell’ultima giornata si è assicurata la partecipazione alla prossima Europa League. Per i viola un’occasione da non fallire. "Credo nella nostra voglia di vincere ogni partita – ha dichiarato l’allenatore Paulo Sousa in conferenza stampa – Lavoro soltanto per questo, è quello che mi aspetto anche domani".

"Tifosi? Hanno sempre vissuto la Fiorentina"

Dopo l’ultima partita contro il Sassuolo, è arrivato lo sfogo di Bernardeschi seguito da quello di Della Valle. Entrambi si lamentavano dell’ambiente che si era creato attorno a questa Fiorentina. "Io devo pensare solo ad allenare – prosegue Sousa – ed a vincere ogni partita, sono tranquillissimo. I nostri tifosi? Non hanno bisogno di inviti, loro sono sempre stati presenti nella vita del nostro club. Non c’è bisogno di appelli, i tifosi vivono la Fiorentina e lo faranno sempre". Sulla Lazio: "L’avversario di domani sarà molto diverso rispetto agli ultimi, la squadra di Simone Inzaghi è molto più forte individualmente rispetto a Palermo e Sassuolo. Della Lazio temo la convinzione di gioco, la fisicità e la velocità. Le loro ripartenze sono molto forti, possono sempre decidere le partite in qualsiasi momento". 

"Cambieremo strategia di gara"

Contro la Lazio, però, mancheranno due calciatori importanti come Gonzalo Rodriguez e Badelj: "Quando non ci sono stati abbiamo sempre avuto problemi – spiega Sousa – La nostra strategia di gara? Sarà diversa rispetto a quella di domenica scorsa". Chi ha trovato poco spazio, fin qui, è stato De Maio: "Penso sempre che siamo noi allenatori a dover lavorare sulla crescita dei calciatori. De Maio è cresciuto molto ma io ho deciso di puntare su altri. Mi dispiace per lui, è quello che ha avuto meno spazio. Mi sono scusato davanti a tutti i ragazzi, siamo noi i responsabili dei nostri giocatori". Infine, su Bernardeschi: "Ha avuto un periodo di calo ed è stato in panchina per questo, altri mi davano maggiori garanzie. Se domani giocherà? Vedremo". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport