Atalanta, Gasperini: " La stagione più bella della mia carriera"

Serie A
Gian Piero Gasperini, allenatore dell'Atalanta (Getty)

L'allenatore dei nerazzurri: "Questa è stata l’annata più bella della mia carriera anche per come è maturata; abbiamo sempre sperato di poter fare un bel lavoro ma quest'anno siamo andati decisamente oltre le aspettative e le speranze". Gomez: "Non so se giocherò l'Europa o la giocherà qualcun altro"

L'Atalanta non si ferma e vince anche l'ultima partita di questa strepitosa Serie A, che li ha visti raggiungere l'Europa League con tre giornate d'anticipo e che ora li vede momentaneamente al quarto posto in classifica - in attesa di conoscere il risultato finale di Crotone-Lazio. Festeggia meritatamente la squadra nerazzurra, festeggia anche l'allenatore Gian Piero Gasperini - che grazie a una rete di Gomez a inizio secondo tempo ha chiuso insieme alla squadra a quota 72 punti questa Serie A. Ai microfoni di Sky Sport pochi secondi dopo il fischio finale il tecnico ha parlato così della grande annata dell'Atalanta e anche del gruppo che ha allenato in questa indimenticabile stagione.

"Grande merito anche ai meno giovani"

"Questa è stata l’annata più bella della mia carriera - ha confessato - anche per come è maturata; abbiamo sempre sperato di poter fare un bel lavoro ma quest'anno siamo andati decisamente oltre le aspettative e le speranze. Si parla tantissimo di questi giovani ragazzi che erano un po' semi-sconosciuti e che facevano un po' di fatica a giocare magari in Serie A. Sono all'inizio della loro carriera ma è indubbio che le prestazioni di calciatori come Masiello, che è un ragazzo che avevo già a Genova e non era più giovanissimo, oltre a Kurtic, Gomez, Berisha e molti altri, sono giocatori comunque un po' meno giovani che però hanno fatto un campionato strepitoso, hanno giocato con continuità e sono stati un esempio per i più giovani. L'esplosione di tanti ragazzi è stata certamente significativa perché anche questi giocatori hanno dato loro un supporto, una qualità e un'esperienza importante che li hanno così aiutati a maturare. Questo è quello che succede sempre nelle squadre che raggiungono certi traguardi, bisogna avere dei valori molto importanti".

"Non so cosa accadrà in futuro"

Così invece il Papu Gomez, sulla gara e soprattutto sul suo futuro: "È un peccato che sia finita questa stagione, è stata epica e rimarrà nella storia per sempre. Sarà molto difficile ripetere un'annata così, vedremo se domani riusciremo a festeggiare il quarto posto ma comunque il quinto rimarrà per sempre. È stata senza dubbio anche la mia miglior stagione perché ho fatto tanti gol e magari prima non ero così cattivo sotto porta ma sono riuscito a migliorare anche in questo senso. Lo stadio urlava ‘non te ne andare’? Ho un contratto con l'Atalanta e non voglio parlare più di mercato perché sarà un'estate lunga e adesso voglio solo godermi la convocazione con l'Argentina per la prima volta; poi verrà il momento della famiglia e del futuro se ne parlerà più avanti. Senza dubbio sarebbe un peccato non godersi l’Europa, è un traguardo importante per questa squadra e per questa città e non so se la giocherò o se la giocherà qualcun altro, ma senza dubbio quello che abbiamo fatto rimarrà per sempre".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport