Real-Fiorentina 2-1: Veretout non basta, CR7 decide il "Bernabeu"

Serie A
Cristiano Ronaldo sempre decisivo: anche nel 2-1 contro la Fiorentina del Trofeo Bernabeu (foto Lapresse)
real_fiorentina_lapresse

Con un 11 totalmente rivoluzionato rispetto all'impegno di campionato, la squadra di Zidane ha piegato i viola di Pioli nel Trofeo Bernabeu, celebrato per ricordare la finale di Coppa dei Campioni del 1957. Il gol del centrocampista non basta, decide un gioiello al 32' del solito Cristiano Ronaldo

Sempre decisivo. Anche nel Trofeo Bernabeu. Trascinato da un Cristiano Ronaldo in grande condizione, il Real Madrid ha piegato 2-1 la Fiorentina nel Trofeo Bernabeu, che ha voluto ricordare i cinquant’anni dalla finale di Coppa dei Campioni 1957 (vinta dai Blancos di Di Stefano, sempre contro la Viola, 2-1). Tanti giovani in campo e subito grande spettacolo. Dopo il minuto di silenzio in onore alle vittime dell’attentato di Barcellona, è stata subito la Fiorentina ad aggredire un Real Madrid totalmente rivoluzionato rispetto all’impegno di campionato (solo 2 i presenti su 11). Diverse invece le scelte di Stefano Pioli: confermati dalla gara di domenica sera, Sportiello, Simeone, Eysseric, Gil Dias e Veretout. Tra le novità, uomini di grandissima qualità che fanno ben sperare per il futuro della Fiorentina: Pezzella, Biraghi, Gaspar, Badelj e Chiesa. Gol del vantaggio di Veretout al 3’: lo stesso centrocampista, arrivato in Viola nell’ultima sessione di mercato, era stato protagonista di una buona prestazione nel posticipo di domenica sera contro l’Inter: vicino al primo gol con la nuova maglia nel secondo tempo (palo al 78’).

Partita giocata a gran ritmo sin dai primi minuti. Dopo il vantaggio della Viola, 3' dopo errore a centrocampo e azione super del tandem Asensio-Cristiano Ronaldo (è squalificato per altri tre turni in campionato dopo l’espulsione dell’andata di Supercoppa di Spagna contro il Barcellona) che serve a Borja Mayoral una palla solo da spingere dentro. La Fiorentina, però, spinge ancora e colpisce una traversa con Astori: molto fortunato il portiere del Real Casilla che, subito dopo, si è visto il pallone sbattere su una spalla. Al 32’ gol spettacolare di Cristiano Ronaldo: dopo aver lasciato sul posto Pezzella un destro a giro da sinistra si è insaccato sull’incrocio più lontano. Poi (quasi) più nulla: tanti cambi, un ottimo Simeone, che nel pomeriggio aveva anche ricevuto la visita di papà Diego Pablo e un palo del solito CR7.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche