Napoli-Inter da amarcord. Quando ci si giocava lo scudetto

Serie A

Vanni Spinella

Prima contro seconda, come 28 anni fa esatti: anche allora si giocava la nona giornata e i nerazzurri, vincendo al San Paolo, avevano la possibilità di passare al comando. Erano i tempi di Maradona e Matthaus, Careca e Berti...

CLICCA QUI PER SEGUIRE NAPOLI-INTER LIVE

Certi ricorsi del calcio mettono i brividi per la puntualità con cui si ripresentano. Napoli-Inter, da prima contro seconda: erano 28 anni esatti che non si verificava questa situazione. Era il 22 ottobre 1989 (stavolta “anticipano” al sabato e sarà il 21), nona giornata di campionato oggi come allora. E anche all’epoca, all’ottava giornata, il Napoli aveva incontrato la Roma (pareggiando 1-1, però). La classifica recitava Napoli 13, Inter 12: esattamente come adesso, con la vittoria che valeva 2 punti, un successo avrebbe permesso ai nerazzurri di sorpassare il Napoli in vetta.

Al San Paolo finì con un secco 2-0: Careca e Maradona, uomini simbolo di quella squadra, firmarono l’allungo in classifica. Chiamatela mini-fuga, se volete: di fatto, quel Napoli non lo riprese nessuno (con Juve, Inter e Samp che si alternavano alle sue spalle nel ruolo di antagonista principale) fino a febbraio, quando sbucò il Milan, che vincendo lo scontro diretto della 24.a giornata raggiunse Maradona e compagni in testa alla classifica.

Due giornate dopo, a San Siro, c’è Inter-Napoli e la “vendetta” dei nerazzurri (3-1) si rivela un regalo per i cugini, che allungano a +2 sul Napoli. Servirà il suicidio rossonero a Verona, alla penultima giornata, per assistere al controsorpasso che regalerà agli azzurri il loro secondo scudetto. L’Inter? Chiuderà terza, a -7. A inizio campionato Spalletti avrebbe firmato senza esitazione, per un ricorso del genere: ma adesso che pare potersela giocare?

Esistono poi altri due casi in cui Napoli e Inter sono arrivate allo scontro diretto da prime della classe, ma in ordine inverso. Un salto nel tempo fino alla stagione 1988/89: alla tredicesima giornata i nerazzurri guidano la classifica con tre punti di vantaggio sul Napoli e sono ospiti al San Paolo. La squadra di Trapattoni ne esce con uno 0-0 in tasca che mantiene invariato il distacco. Al ritorno il vantaggio sul Napoli, secondo, è addirittura di 7 punti, tanto che il 28 maggio 1989, a 4 giornate dalla fine, l’Inter ha la possibilità di cucirsi sulla maglia lo scudetto (quello dei record) davanti al pubblico di San Siro, “semplicemente” vincendo lo scontro diretto. I nerazzurri vanno sotto (segna Careca), poi rimontano con un tiro di Berti deviato da Fusi e la punizione di Matthaus ripetuta due volte.

Sono gli anni del libero staccato dietro alla difesa, di Bergomi e Ferrara con il 2 sulla schiena, dei “9” sudamericani (Ramon Diaz contro Careca), dei grandi duelli tra due “10” come Maradona e Matthaus, in Serie A così come con le rispettive nazionali. Ognuno 10 a modo suo, ma entrambi trascinatori, mossi da una feroce determinazione e adorati dal proprio pubblico.

Più fresco il ricordo dell’ultimo Napoli-Inter con un vago profumo di scudetto. Il 29 novembre 2015 i nerazzurri di Mancini arrivano allo scontro diretto del San Paolo guidando la classifica con due punti di vantaggio sul Napoli. Con un doppio Higuain, gli uomini di Sarri vincono 2-1 e passano al comando. Lo scudetto? Non gode nessuno dei due litiganti, perché poco dopo si risveglia la Juventus. Forse la stessa paura che accompagnerà questo Napoli-Inter. L'obiettivo è vincere senza fare troppo rumore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche