Bel gioco, mentalità, panchina: dove può arrivare il Napoli. L'analisi di Sky Calcio Club

Serie A
Il Napoli esulta per un gol al Sassuolo (getty)

Il momento e le prospettive della squadra di Sarri analizzati dalle voci di Sky Sport: Paolo Condò, Massimo Mauro, Gianluca Vialli, Beppe Bergomi, Giancarlo Marocchi e Alessandro Costacurta discutono sulle potenzialità e sui limiti degli azzurri

È il momento del Napoli. La squadra di Sarri si candida, giornata dopo giornata, a essere la padrona del campionato, rispondendo presente a ogni colpo delle dirette avversarie. Un gruppo ormai rodato, con un carattere, oggi, da vincente, frutto di un lavoro partito da lontano e svolto in maniera coerente. E la mente non può che correre all’indietro, andando a ripescare i successi del passato di squadre come Hellas e Sampdoria: “Questo Napoli mi ricorda il Verona di Bagnoli: in quella squadra c’era un obiettivo da raggiungere e il desiderio di farlo”, dice Massimo Mauro. “La coesione del gruppo è tale che la conseguenza può essere solo la vittoria. Non c’è mai qualcosa fuori posto”. Il 3-1 al Sassuolo è stata l’ennesima prova di forza del gruppo azzurro, guidato come sempre da un tridente talentuoso e imprevedibile. Rispetto all’11^ giornata della scorsa stagione, sono 11 i punti in più in classifica: “Se si sommasse l’andata di quest’anno con il ritorno dell’anno scorso si potrebbe definire la squadra di Sarri imbattibile”, ammette Paolo Condò. E la crescita non è dettata solo dai numeri, come ricorda Gianluca Vialli: “Rispetto alle altre dirette concorrenti allo scudetto, mi sorprende che abbiano meno cali fisici: c’è sempre costanza di rendimento, di velocità di gioco e di pensiero”.

 

Napoli padrone: quanto può durare?

Il Napoli sembra, oggi, una macchina perfetta, oliata in ogni suo meccanismo. La doppia perdita per infortunio di Milik è stata ormai definitivamente dimenticata, visto il rendimento oltre ogni aspettativa di Mertens, diventato a tutti gli effetti un centravanti. Rispetto alla scorsa stagione, i cali di concentrazione sono un rarità: ma quanto può durare questa perfezione? Prova a spiegarlo Giancarlo Marocchi: “La capacità dei singoli oggi riesce a fare la differenza nella pause fisiologiche che la squadra ha durante le partite: questo è il completamento di un percorso cominciato ormai anni fa. Adesso è arrivato il momento di raccogliere trofei”. Vialli cerca la soluzione nell’atteggiamento tattico, ancora più spregiudicato: “L’anno scorso hanno avuto due settimane di appannamento, però adesso mi sembra possano gestire un’eventuale situazione del genere. Continuo a chiedermi se giocare nel Napoli sia più o meno faticoso che altrove. Ho l’impressione che si divertano, si dividano lo sforzo e possano fare più partite rispetto ad altri senza calare di condizione. Corrono bene e sono stretti”. Beppe Bergomi, però, non nasconde qualche perplessità: “Questo è un campionato in cui non si possono avere cali, perchè anche le altre vanno velocissimo. In più: i tre davanti giocano sempre loro. Hanno dei ricambi all’altezza? Anche chi non gioca ha certamente qualità, ma quando vieni utilizzato così poco fai inevitabilmente fatica se vieni chiamato in causa. A gennaio mi aspetto qualcosa dal mercato…”.

Dalla squadra al singolo: e viceversa

Il gioco corale del Napoli è invidiato da mezza Europa. Ad innamorarsene - non per caso - è stato anche Pep Guardiola. Il dualismo bel gioco-risultati è sempre stato al centro di grandi discussioni, ma oggi la squadra di Sarri sembra aver trovato il modo perchè i due aspetti possano coesistere. “In questa stagione il Napoli non ha solo grande fluidità di manovra, è anche migliorato rispetto al sé stesso dell’ultimo anno”, ammette Marocchi. “La mentalità che questi giocatori hanno acquisito è notevole: che giocassero bene era già chiaro, ognuno di loro sta diventando grande giocatore”. In questo caso, dunque, è la squadra a esaltare il singolo, situazione che Alessandro Costacurta ha provato sulla sua pelle: “Si dice sempre che le individualità aiutano il gioco, io ho sempre pensato il contrario e ne ho fatto esperienza con Sacchi. Mi sorprende quanto i giocatori siano migliorati con Sarri”. Condò esemplifica: “Faccio dei nomi: Ghoulam e Allan. Entrambi hanno aumentato di molto il loro livello e il loro rendimento: quando c’è un gran gioco i singoli si trovano a loro agio e tirano fuori nuove potenzialità, che poi gli allenatori possono sfruttare al meglio”. Conclude l’analisi Marocchi: “Che il Napoli giocasse bene era chiaro da tempo: oggi, però, ognuno sta diventando un grande giocatore”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche