Juventus-Inter, Stramaccioni: "Icardi? Lo scelsi io dopo Milito"

Serie A
Andrea Stramaccioni, allenatore dello Sparta Praga (Getty)
stramaccioni_getty

"Vi parlo di quando scelsi Icardi...". L'ex allenatore nerazzurro (oggi allo Sparta Praga) si racconta al Corriere dello Sport: "Vinsi 3-1 nel 2012, è stata la vittoria che ricordo con più emozione, insieme a quelle nel derby"

L'aneddoto di Strama è uno di quelli speciali, sentiti. Uno di quelli che quando lo racconti (o li leggi) ti viene sempre da sorridere. E' l'estate del 2013, Milito giocherà soltanto per un'altra stagione e l'Inter deve scegliere il suo sostituto. Sceglie Mauro Icardi, oggi bomber e capitano. "Selezionato" qualche mese prima da... Andrea Stramaccioni, oggi allenatore dello Sparta Praga ed ex "mister" nerazzurro dal 2011 al 2013 (tra Primavera e prima squadra). Inizia così: "Eravamo io, Ausilio, Moratti e Branca...". Non è una barzelletta, è pura realtà. Parla Strama. 

"Ecco come scelsi Icardi..."

Questo il ricordo di Stramaccioni sul Corriere dello Sport: "Ogni volta che incontro Mauro Icardi ci scriviamo un messaggio e ricordiamo quello che poteva succedere. Eravamo in Saras, prima di Natale (nel 2013, ndr), Massimo Moratti, Branca, Piero Ausilio ed io. Decidemmo che Mauro sarebbe stato il dopo-Milito e l'Inter Io acquistò. Vi racconto anche un aneddoto: 'Qualche settimana dopo giocammo contro la Samp a Marassi e nel sottopassaggio dissi a Icardi: "Qui bellissimo stadio, ma fra qualche mese devi cominciare a segnare anche a San Siro". Mi ha preso “troppo" alla lettera ed è diventato semplicemente una macchina da gol".

"La vittoria più bella? Quella con la Juve..."

E ancora, Strama vinse 3-1 contro la Juventus nel 2012. Uno dei ricordi più belli della sua carriera: "Per l'andamento della partita, quella fu una delle vittorie più memorabili dell'interismo, ribaltammo il risultato dopo una serie di errori arbitrali che avrebbero fatto spaccare la tv a qualsiasi tifoso. Un successo contro i più forti, in uno stadio dove i bianconeri avevano sempre vinto e schierando tre punte senza paura. Un trionfo memorabile. Mi feci male alla mano sulla mancata espulsione di Lichtsteiner per fallo su Palacio, dopo il gol dell'1-0 in fuorigioco. Ero giovane ed impulsivo. E' stata la vittoria che ricordo con più emozione, insieme a quelle nel derby. Chiarimento con Cassano? Ancora no, ma capiterà sicuramente".

I meriti di Spalletti secondo Strama

"Aver immediatamente azzeccato il blocco dei 13-14 giocatori su cui puntare forte - continua Stramaccioni - senza “perdere per strada” gli altri che ci sono. Ha dato alla squadra certezze difensive che in passato erano mancate e proprio la solidità del pacchetto arretrato può essere una chiave per far bene a Torino. L’impatto di Spalletti è stato impressionante e solo il percorso incredibile di Juve, Napoli e Roma lo rende meno impressionante di quello che è”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche