Finale X Factor, sfida a 4 come la Serie A: Juve-Maneskin, Napoli-Licitra...

Serie A
cover_xfactor

La Serie A è più equilibrata che mai, con 4 squadre che sembrano potersi giocare lo Scudetto. Lo stesso numero dei concorrenti della Finale di X Factor, in programma stasera su Sky Uno, che per certi versi ricordano le big del nostro campionato. Ecco le coppie

17^ GIORNATA DI SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

A poche ore dalla finale di X Factor avremmo potuto giocare sul “fattore X” di Juve, Inter, Roma e Napoli nell'ultimo turno, dove le prime 4 del campionato hanno pareggiato senza segnare un gol. Ma invece che guardare indietro preferiamo proiettarci più in là, quando a sollevare il titolo sarà solo una. Mancano mesi e mesi, eppure le candidate allo Scudetto a questo punto sembrano ridotte (o salite?) a 4, esattamente come i finalisti di X Factor che si sfideranno al Forum di Assago. Senza prenderci troppo sul serio, proviamo ad associare un finalista ad ogni big in lizza per il titolo: chissà se a giugno avremo azzeccato l'accoppiata vincente.

Juventus – Maneskin

Sono i favoriti della vigilia, consapevoli delle proprie qualità straordinarie, come gruppo (e come rosa) prima ancora che come singoli. Il Damiano della Juve, il “coatto” che fa impazzire le ragazzine, è il Dybala più dannato che bello dell'ultimo periodo: come il frontman dei Maneskin (che citava Ghemon) è “in mezzo al temporale”, pur rimanendo il “chosen”, il prescelto, fuoriclasse col 10 sulle spalle. I ragazzi di Agnelli (Manuel, non Andrea) sono camaleontici: hanno saputo rappare e gridare, dolci o aggressivi a seconda del bisogno, come la Juve di Allegri che impone il proprio gioco quando serve, ma sa difendersi compatta e graffiare al momento giusto. Pur con qualche nota stonata partono davanti a tutti. Ma le aspettative sono altissime e gli avversari agguerriti: occhio alle sorprese.

Inter – Enrico Nigiotti

Un passato tormentato, una seconda occasione, una rinascita oltre le aspettative. Il toscano ex Amici parla come Spalletti e sembra l'Inter di questi tempi: ha molto da farsi perdonare per qualche scelta sbagliata (Enrico si autoeliminò da Amici prima della finale, l'Inter viene da stagioni senza pace) ma sta ritrovando se stesso e ora – dicono i bookmakers – se la gioca anche lui. Ci voleva un sergente di ferro come Mara Maionchi (o il buon Lucianone) per rimettere in riga tutto quel talento. Che c'è sempre stato, come Perisic e Icardi. “Per me essere arrivato fin qui è già un successo”, ha detto Enrico quando ha staccato il ticket per la finale: un po' come l'Inter, gli interessa soprattutto stare tra i primi 4. Chissà che al Forum come a San Siro alla fine non arrivi qualcosa di più: “Quando tutto cambia senso non ha senso più aspettare”...

Napoli – Lorenzo Licitra

Bello ed elegante, canta in maniera pulita e classica, armonioso ed efficace come il gioco del Napoli di Sarri quando tutto gira bene. Ha fatto un percorso netto, indicato sin dalla prima puntata – come gli azzurri dagli addetti ai lavori – tra i probabili finalisti, e in effetti nessuno è stupito di vederlo lì. Ora c'è da fare il salto di qualità: uscire dallo spartito e inventarsi qualcosa di nuovo, andare oltre il bel gioco (e il bel sorriso) e portarsi a casa il trofeo. La tecnica di Lorenzo non ha pari, come le triangolazioni del Napoli. Ma per vincere, alla fine, potrebbe non bastare. C'è un piano B? È il momento di tirare fuori gli artigli e lottare.

Roma – Samuel Storm

A inizio stagione chi avrebbe puntato su una Roma orfana di Salah, Paredes e Rudiger, con una guida inesperta come Di Francesco? Eppure la qualità del materiale “grezzo” non è mai stata in discussione. Come quella di Samuel Storm, il ragazzo nigeriano protagonista di una storia commovente (quasi quanto l'addio di Totti all'Olimpico) dalle grandi capacità vocali ma che non è riuscito a guadagnarsi i favori del pronostico. Fenomenale a tratti, come la Roma in Champions League, è finito all'ultimo scontro in semifinale contro i meno quotati Ros, riuscendo a salvarsi. Tra i quattro, ad oggi, viene indicato come il vincitore meno probabile: eppure – come i giallorossi – ci sarebbe qualcosa di strano se alla fine alzasse il trofeo? Probabilmente no. E quindi occhio e seguite “the Story”: potrebbe riservare un finale inatteso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche