Serie A, Sampdoria. Giampaolo: "Napoli? Una squadra di extraterrestri"

Serie A

L'allenatore blucerchiato ha presentato la partita col Napoli in conferenza stampa: "Mi auguro di fare almeno un gol, perché se non lo facciamo diventa difficile. Ho fiducia nella prestazione, il risultato poi è un'altra cosa, perché loro sono extraterrestri"

Uscire indenni dal San Paolo, per uscire dalla crisi. Compito arduo, per la Sampdoria, che vuole tornare a vincere o quantomeno non perdere contro il Napoli. Nelle ultime quattro gare, i blucerchiati non hanno mai vinto, collezionando addirittura tre sconfitte di cui due interne. “Bisogna scegliere con quale tipo di atteggiamento andiamo a giocarcela, poi la forza del Napoli non ti permette di decidere tanto: è una squadra che domina nella gara, limitatamente alla loro forza ci possiamo adeguare. Dovremo avere un atteggiamento propositivo, giusto, coraggioso, di buona personalità. La partita è affascinante perché questa è una squadra forte. Noi in queste gare siamo stati un po' sporchi per via degli impegni ravvicinati, questa settimana la squadra mi ha dato segnali importanti: mi è piaciuta molto, ma non avevo dubbi” ha detto Marco Giampaolo nella conferenza della vigilia. L’allenatore è fiducioso, almeno per ciò che la squadra esprimerà in campo: “Mi dà la quasi certezza di poter andare a fare una buona partita. La gara dell'anno scorso l'abbiamo rivista, magari riuscire a rifarla perché abbiamo fatto novanta grandi minuti. Sarei contento di rifare quella gara, magari 11 contro 11. Il Napoli però ora è più forte, l'anno scorso gli mancavano giocatori importanti ed era reduce dalle festività. So cosa aspettarmi, la Sampdoria deve fare una grande prestazione nel collettivo: dovremo saper palleggiare, dovremo saperci proporre, il rischio è quello di giocare in funzione loro. Mi auguro di fare almeno un gol, perché se non lo facciamo diventa difficile. Ho fiducia nella prestazione, il risultato poi è un'altra cosa, perché loro sono extraterrestri”.

Condizione e mercato

Giampaolo ha parlato della condizione della squadra: “I dati fisici sono sempre molto buoni, per quanto riguarda la situazione attuale Zapata è convocato e a disposizione, Linetty ha recuperato ma non è al meglio e come Alvarez non verrà a Napoli. Karol è pronto ma non si sente ancora sicuro, quindi abbiamo ritenuto meglio scegliere di non convocarlo. La partita è importante per la Sampdoria e per i singoli. Quagliarella ha subito in passato quel fraintendimento e quindi pativa il giocare al San Paolo. Ora che è riabilitato agli occhi della gente, spero che sia libero mentalmente per fare una grande partita”. Un po’ polemico, invece, sui giorni di calciomercato: “Il mercato è una spina nel fianco, la Sampdoria deve fare poche cose: accontentare chi è scontento, restare con un organico completo e avere alternative valide. Non credo che si possa stravolgere questa squadra, soprattutto non credo possano andare via i giocatori che rappresentano l’osso duro di questo gruppo. Non mi piace questo mercato: perché dura un mese, perché se ne parla troppo sia prima che dopo, non solo durante”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche