Chievo Verona, Gamberini: "Vincere una liberazione. Emozione tornare a Firenze"

Serie A
Alessandro Gamberini, difensore del Chievo Verona (getty)
gamberini_getty

Il difensore gialloblu a due giorni dal match con la Fiorentina: "Con il Cagliari abbiamo sofferto e vinto tutti insieme, è stato bello. Giaccherini? Giocatore di spessore". Sul ritorno al Franchi: "Lì momenti bellissimi"

FIORENTINA-CHIEVO, LE PROBABILI FORMAZIONI

SERIE A, CALENDARIO E ORARI DELLA 26^ GIORNATA

La vittoria contro il Cagliari ha finalmente riacceso la luce nella stagione del Chievo Verona. Un 2-1 utile a ritrovare serenità e punti salvezza, a cui i gialloblu dovranno dare subito continuità nella trasferta di Firenze. A due giorni dal match con la Fiorentina, a parlare in conferenza stampa è stato il grande ex, Alessandro Gamberini: “La vittoria col Cagliari è stata una liberazione - ha ammesso il difensore - per il fatto di aver sofferto tutti insieme, non c'è stata una persona che non abbia vissuto questo periodo con dispiacere. È stato bello vedere quanto vale un gruppo e quanto vale una società perché in momenti come questi sei portato a tirare fuori di più di quello che puoi se ci tieni alla maglia e a chi c'è dietro e questo è il segnale che tutti noi abbiamo voluto dare anche ai dirigenti". Doppietta per Giaccherini: “È stato un acquisto importantissimo, perché è un giocatore di grande spessore non solo calcistico ma anche umano per l'umiltà e per come si è inserito pur venendo da grandi squadre. Ha voluto a tutti i costi il Chievo e lo ha dimostrato, perciò è stato un acquisto importantissimo e dispiace che ora abbia un piccolo problema per una ginocchiata ed ora stanno valutando il percorso migliore per recuperarlo”.

"Tornare a Firenze è diverso, mi sono tolto soddisfazioni"

Sull’effetto che gli fa tornare a Firenze, poi, Gamberini ha spiegato: “Per me, da quando sono andato via, tornare a Firenze è sempre diverso che andare in altri campi e stadi, perché lì ho vissuto sette anni importanti lì ed è inevitabile che una parte di me sia rimasta legata a quella città, tra l'altro è stato un ciclo bellissimo in cui ci siamo tolti tante soddisfazioni a livello personale e di squadra. Al di là di quello per noi è una gara importante”. E ancora: “Sono arrivato là molto giovane. Firenze è una piazza impegnativa, dove si avverte molto la passione della gente intorno alla squadra e la cosa più semplice per conquistarla e per farsi apprezzare è dimostrare di mettercela tutta. I tifosi vogliono che quando si indossa quella maglia si dia tutto, anche più di quello che uno può e credo che per me sia stato questo. Io sono arrivato lì a 23 anni, in punta di piedi perché ero uno dei tanti acquisti che avevano fatto nel primo anno di Corvino che era di rifondazione dopo la salvezza e tanti eravamo arrivati da sconosciuti”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.