Bologna, Donadoni: "Fischi dalla curva? Ognuno ha i suoi consigli da dare"

Serie A
Roberto Donadoni, Bologna (Getty)

L'analisi dell'allenatore rossoblù dopo il fischio finale: "Qualche fischio dalla curva? Ho sentito altri cori di incitamento e va bene così, li ringrazio per questo. Poi ognuno ha i suoi consigli da dare. Santurro ha dimostrato grande personalità all'esordio e non si è sentita l'assenza degli altri due portieri"

Secondo 1-1 consecutivo per il Bologna di Donadoni, che dopo la Lazio ferma sul pareggio anche la Roma. Alla rete di Pulgar ha risposto Dzeko nella ripresa, i rossoblù si portano così a quota 35 punti in classifica e prolungano la loro serie positiva in attesa di affrontare - nel prossimo turno - il Crotone. Dopo il fischio finale, ai microfoni di Sky Sport, Donadoni ha commentato così il match nel giorno in cui ha raggiunto le 100 panchine a Bologna. "Siamo stati bravi, sapevamo di avere di fronte un avversario tosto e per questo ho scelto di schierare dal primo minuto tutti i titolari. I ragazzi sono stati bravi, abbiamo faticato e ci abbiamo messo molto impegno. Sono davvero felice per loro. Potevamo essere più lucidi in alcuni momenti e cercare anche di chiudere la gara - anche dopo il loro pareggio - ma le occasioni ci sono state anche in ripartenza nel finale. Potevamo cercare meglio l'ultimo passaggio ma abbiamo fatto il nostro con spirito di gruppo e sacrificio da parte di tutti".

"Fischi dalla curva? Ognuno ha i suoi consigli da dare" 

E ancora, sull'esordiente di giornata: "Santurro? Ha mostrato grande personalità che anche la squadra gli ha riconosciuto nel corso della gara, non aveva mai giocato nemmeno una partita in Serie B e si è ritrovato titolare in Serie A. E' stato davvero bravo, non è pesata affatto l'assenza dei primi due portieri". E poi, su alcuni tifosi non contenti dei cambi dell'allenatore, Donadoni ha aggiunto: "Qualche fischio dalla curva? Ho sentito altri cori di incitamento e va bene così, li ringrazio per questo. Non so se alcuni volevano Destro in campo ma serviva un difensore al posto di Verdi che non ne aveva più, e quando è uscito Di Francesco ho messo Orsolini che è comunque un giocatore offensivo. Questi dei tifosi non contenti sono vecchi ritornelli che ritornano ma la squadra ha fatto un'ottima partita. Poi qualcuno ha i suoi consigli da dare che io ascolto sempre volentieri", ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.