Sassuolo Fiorentina 1-0, gol e highlights: decide Politano. Iachini vede la salvezza

Serie A

Un gran gol di Politano al 41' (l'8° in stagione) regala al Sassuolo una vittoria importantissima in chiave salvezza. Secondo stop consecutivo per la Fiorentina che ha giocato in 10 per più di un'ora (espulso al 30' Dabo)

RIVIVI SASSUOLO-FIORENTINA MINUTO PER MINUTO

LE PAGELLE

SERIE A: CLASSIFICA E RISULTATI

SASSUOLO-FIORENTINA 1-0

41' Politano

TABELLINO:

Sassuolo (3-5-2): Consigli; Lemos (76' Dell'Orco), Acerbi, Peluso; Adjapong, Missiroli, Magnanelli, Duncan, Rogerio; Berardi (64' Ragusa), Politano (84' Matri)

Fiorentina (4-3-3): Dragowski; Laurini, Milenkovic, Vitor Hugo, Olivera (56' Gil Dias); Benassi, Veretout, Dabo; Saponara, Chiesa (73' Bruno Gaspar), Falcinelli

Ammoniti: Dabo (F), Peluso (S), Laurini (F), Berardi (S), Lemos (S), Adjapong (S), Rogerio (S), Benassi (F)

Espulso Dabo (F) al 30'

Una vittoria importantissima. Al Sassuolo, che non vinceva in casa dal 23 dicembre scorso (contro l’Inter), basta un gol di Politano per battere la Fiorentina nel secondo anticipo della 34^ giornata di Serie A. Dopo la vittoria sul Verona, la squadra di Iachini mette altre tre lunghezze da quel terz’ultimo posto che vuol dire retrocessione, e guarda al finale di campionato con maggiore serenità. I 37 punti, non sono ancora un margine che può far dormire tranquilli, vista la gran bagarre là dietro, ma nove punti e quattro squadre in mezzo regalano una sicurezza in più. E poi si sa, i risultati aiutano a lavorare bene. Per la Fiorentina, dopo la sconfitta per 4-3 contro la Lazio, un altro stop che frena la corsa alla qualificazione in Europa League. Dopo le sei vittorie consecutive che l’hanno portata a un passo dal Milan sesto in classifica, uno stop da riscattare subito per tentare le ultime possibilità di raggiungere l’obiettivo. Che oggi sembra lontano da raggiungere. I ragazzi di Stefano Pioli restano a 51 punti in classifica e Milan e Atalanta possono allontanarsi. A incidente sulla prova sottotono dei viola, l’espulsione per doppia ammonizione al 30’ del primo tempo di Dabo.

Le scelte degli allenatori

La vittoria a Verona per 1-0 ha regalato già mercoledì al Sassuolo la possibilità di guardare alla salvezza con maggior fiducia: sei punti sul terz’ultimo posto, occupato dal Crotone era un buon margine in vista delle ultime partite di questo campionato. Rispetto al match dell’infrasettimanale, Iachini conferma dieci undicesimi della sua squadra. Nel 3-5-2 con Consigli in porta; Lemos, Acerbi e Peluso in difesa; Adjapong, Missiroli (e non Mazzitelli), Magnanelli, Duncan e Rogerio a centrocampo; attacco con Berardi e Politano. Babacar parte dalla panchina. La Fiorentina, ancora scossa per la rocambolesca sconfitta per 4-3 contro la Lazio, prova a ripartire nella corsa per l’Europa cambiandone sei. Pioli schiera Dragowski in porta; Laurini, Vitor Hugo, Milenkovic e Olivera in difesa. Benassi, Veretout e Dabo in mezzo al campo. E poi un attacco con Falcinelli dal 1’ per la sua decima presenza in maglia viola (solo la terza da titolare), e Chiesa e Saponara in suo supporto.
 

Espulso Dabo al 30’, poi il gol di Politano

Il primo tempo non è dei più belli. Gioco frammentato, pochissime occasioni costruite dalle due squadre. La prima è del Sassuolo: al 4’ Rogerio crossa da sinistra per Adjapong. Il destro al volo dell’esterno finisce tra le braccia di Dragowski in due tempo. Al 24’ punizione, non troppo pericolosa di Lemos: centrale, non impensierisce più di tanto il portiere della Fiorentina. Al 30’ Dabo, ammonito in precedenza per un fallo su Missiroli, ne fa un altro su Berardi. Per l’arbitro Irrati è doppia ammonizione. Viola costretti a giocare in dieci uomini per un’ora più recupero. La partita, spezzettata, si riaccende nel finale al 41’ quando Adjapong crossa per Politano, e l’attaccante del Sassuolo lascia partire un gran sinistro imparabile. La squadra di Iachini va in vantaggio grazie al suo attaccante più in forma che ha segnato il terzo dei quattro gol del Sassuolo in questo campionato da fuori area. Per giudicare invece il primo tempo un po’ sottotono per la squadra di Pioli basta un dato: nessun tiro fatto per tutto il primo tempo. L’ultima volta era accaduto solo nell’agosto 2016 contro la Juventus.
 

Pioli cambia la Fiorentina, il Sassuolo vicino al raddoppio

Nella ripresa, Stefano Pioli prova a dare un segnale alla squadra e, almeno inizialmente, i suoi ragazzi rispondono bene. Al 56’ doppio cambio: Simeone per Saponara e Olivera per Gil Dias. E’ proprio il Cholito a servire due minuti dopo un bell’assist a Benassi: la girata del centrocampista della Fiorentina è murata però da Rogerio. Il Sassuolo sembra in difficoltà, ma la superiorità numerica quando i ragazzi di Iachini provano ad attaccare, si sente eccome. Al 59’ Politano si trova a tu per tu con Dragowski, che esce coi tempi giusti e neutralizza il pericolo. La Fiorentina effettuerà il primo tiro verso lo specchio della porta difesa da Consigli solo al 68’ con Simeone: non troppo insidioso. Il Sassuolo va ancora vicino al raddoppio al 69’ con Ragusa e al 91’ quando il neo entrato Matri va a un metro dal raddoppio.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche