Napoli, Koulibaly: "Scudetto, riproviamoci l'anno prossimo. Avanti con Sarri, è l'uomo giusto"

Serie A

Il difensore azzurro in esclusiva a Sky Sport: "È mancato pochissimo per vincere lo scudetto, con questi punti in altre stagioni avremmo vinto già da qualche giornata. L'anno prossimo ci riproveremo, bisognerà avere più cattiveria. Sarri deve restare, è l'uomo giusto per il Napoli. Valgo 100 milioni? Non lo so, ma ho lavorato tanto per arrivare a questi livelli"

Il suo gol all'Allianz Stadium aveva riportato il Napoli a -1 dalla Juventus, con ancora quattro partite da giocare e con i bianconeri attesi dalla difficile trasferta di San Siro contro l'Inter. A Napoli, il 22 aprile scorso, è scoppiata la festa dopo il colpo di testa vincente di Kalidou Koulibaly, sogno scudetto vanificato però nelle due settimane successive. Alla Juventus ora manca un punto per l'aritmetica certezza del settimo titolo consecutivo, al Napoli non resta che riprovarci il prossimo anno. Magari ancora con Kalidou Koulibaly, che ha parlato ai microfoni di Sky Sport tra rimpianti e futuro.

Cosa è mancato per vincere lo scudetto?

"Ci è mancato pochissimo, è stato difficile fare una stagione così con i tanti infortuni che abbiamo avuto. Ma siamo sempre rimasti lì, vicino alla Juventus. Ci sono mancate due o tre vittorie, in partite che abbiamo pareggiato pur giocando bene. In quelle occasioni è mancato il gol, se avessimo messo un po' di cattiveria in più avremmo vinto lo scudetto. Ci dispiace che questo non è accaduto".

Da cosa bisognerà ripartire il prossimo anno per puntare allo scudetto?

"Ci siamo andati vicinissimi, ma non l'abbiamo vinto. L'anno prossimo bisognerà fare ancora qualcosa in più per vincere lo scudetto. Arrivare a questi livelli è difficilissimo, con i punti che abbiamo fatto quest'anno in altre stagioni l'avremmo vinto già da qualche partita. Ma la Juventus è arrivata ancora prima quest'anno, speriamo che l'anno prossimo saremo ancor più forti per vincere le partite che ci servono per arrivare allo scudetto. Vogliamo scrivere la storia di questa città, io sono il primo. E speriamo che il prossimo anno ci riusciremo".

Quanto c'è di Sarri in questo Napoli? È giusto ripartire da lui?

"Sarri ci ha portato tanta fiducia in noi stessi, un modo di giocare mai visto a Napoli. Alcuni giocatori, come me, erano in difficoltà all'inizio e ora sono arrivati a questo livello. Penso che dobbiamo continuare con lui, poi la scelta sarà del presidente e di Sarri. Ma spero di continuare con lui, è l'allenatore giusto per il Napoli. Tutti gli allenatori che ho avuto sono stati speciali, anche Benitez che mi ha portato qui. Poi Sarri ci ha dato un bel modo di giocare, con la personalità che ha. E' un allenatore diverso dagli altri, vive il calcio e sta sempre a guardare i video delle altre squadre e le nostre partite perchè vuole la perfezione. E' difficile raggiungerla, ma lui fa di tutto. Questo è un bene per la squadra, tutti siamo cresciuti e cresceremo ancora con lui. Sarri non vede mai la fine, pensa che un calciatore possa sempre crescere e l'esempio è Albiol. Questo è il suo punto forte, insieme all'ottimo staff che ha. Così ci ha permesso di migliorare, spero rimanga ancora a Napoli".

Ci sono due gare da giocare e un record di punti da conquistare...

"Mancano due partite, faremo di tutto per vincerle. Sarri vuole il record di punti, anche noi perchè vogliamo fare la storia del Napoli. Speriamo di riuscirci, sarebbe una bella prova di maturità anche questa. Tutti possono pensare che abbiamo finito, ma noi non siamo in vacanza e dobbiamo dimostrarlo sul campo".

Che effetto ti fa sapere che vali 100 milioni?

"Non so se li valgo, non saprei rispondere. Ma io voglio sempre crescere ed oggi il mercato è così, ci sono delle cifre enormi. Ma neanche i miei amici che leggono il giornale e vedono che valgo 100 milioni ci credono. Ho lavorato tantissimo per arrivare a questi livelli, lavorerò fino alla fine della mia carriera perchè questa è la mia forza. Anche nelle difficoltà provo a migliorarmi, lo farò finché non smetterò di giocare. E' la strada giusta per crescere. Sapere che valgo 100 milioni mi dà soddisfazione, però per me è più importante il lavoro sul campo".

Cosa ti aspetti dal Mondiale con il Senegal?

"E' la seconda volta che vediamo il Senegal ai Mondiali, quando ho scelto questa nazionale era il mio secondo obiettivo. Il primo era la Coppa d'Africa, il secondo proprio il Mondiale. Ce l'abbiamo fatta, sono veramente felice e orgoglioso perchè il Senegal lo merita. Mi fa un po' pensare al Napoli: non abbiamo ancora vinto una Coppa d'Africa, ma vogliamo mostrare le nostre potenzialità. Vogliamo fare un gran Mondiale, abbiamo tanti calciatori di grande qualità ed è il momento giusto per dimostrarlo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.