Milan, Maldini: "Ibrahimovic ha difeso i suoi compagni aggrediti da Lukaku senza motivo"

milan
©LaPresse

Il dirigente rossonero a Sky Sport prima della sfida con il Bologna: "Pronti a difendere Ibrahimovic in ogni modo se si parla di razzismo, non fa parte di lui. Era dispiaciuto per aver lasciato la squadra in dieci". Poi sul calciomercato rossonero: "Siamo stati protagonisti, la società ce lo ha permesso. Ora abbiamo una squadra completa, ma non sarebbe un problema non vincere lo scudetto. Lo sarebbe non provarci, significherebbe non avere le giuste ambizioni

LUKAKU-IBRA, APERTA INCHIESTA FEDERALE

Dopo la sconfitta nel derby di Coppa Italia contro l'Inter, si è discusso tanto dello scontro Ibra-Lukaku e dell'espulsione dell'attaccante svedese. È tornato a parlarne Paolo Maldini, che ha difeso il suo giocatore nel pre-partita di Bologna-Milan: "Anche io sono molto istintivo, mi sono fatto l'immagine di uomo equilibrato ma il calcio l'ho sempre vissuto in maniera istintiva – le sue parole a Sky Sport – Capita di litigare, è un episodio brutto da vedere ma finisce lì. Siamo pronti a difendere Ibrahimovic in ogni maniera se si dovesse tirare fuori il razzismo, che non ha niente a che vedere con lui. Era dispiaciuto per aver lasciato la squadra in dieci, ha difeso i compagni aggrediti da Lukaku senza alcuna motivazione. È durata veramente troppo questa disputa, mi aspetto che Ibra faccia quello che ha fatto fino a ora, i suoi numeri sono eccezionali".

"Mercato da protagonisti, rosa completa per vincere lo scudetto"

leggi anche

Bologna-Milan LIVE

Maldini ha poi parlato di mercato, a partire dal rinnovo di Donnarumma: "Ne stiamo parlando, ma abbiamo congelato la questione per pensare al calciomercato. Siamo stati protagonisti, la proprietà ci ha permesso di fare quello che volevamo entro certi paletti economici. Ora abbiamo la squadra per andare fino in fondo in entrambe le competizioni. Tomori può fare la differenza fisicamente, ha la capacità di aggredire e difendere in una linea a quattro. Il calcio va verso l''uno contro uno, ma non bisogna mai perdere la compattezza. Lui combina queste due cose molto bene, il difetto è che ha giocato troppo poco per quelle che sono le sue caratteristiche. Scudetto? Se facciamo 43 punti come all'andata... Come rosa siamo completi e abbiamo maggior consapevolezza. Se a fine anno non avremo vinto lo scudetto, non sarà un problema. Lo sarebbe non provarci, perché significherebbe non avere le giuste ambizioni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.